Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Politiche, i match dell'uninominale con l'incognita M5s
Catanoso contro D'Agostino, Stancanelli contro Sudano

La nuova legge elettorale riporta in vita, anche se con un peso politico inferiore, lo spirito maggioritario che ha segnato la storia della Seconda Repubblica. Vince chi ha un voto in più. E nei collegi in cui è divisa la provincia alla Camera - Acireale, Catania città, Misterbianco e Paternò-Caltagirone - e al Senato si profilano sfide interessanti

Francesco Vasta

Vince chi prende anche solo un voto in più degli altri. Le partite nei collegi all'uninominale reintrodotte dal Rosatellum riportano in vita, pur se con un peso politico di molto inferiore, lo spirito maggioritario che ha segnato la Seconda Repubblica fino al ritorno del proporzionale con il Porcellum del 2006. Ogni coalizione o partito candida nei collegi un solo nome. Su Catania e provincia il centrodestra parte favorito e, se sarà duello con Pd e alleati, ciò sarà deciso soprattutto dalla performance dei candidati del Movimento 5 stelle.  

Centrodestra

Nei testa a testa del Catanese alla Camera, Forza Italia ha garantito ampiamente il diritto di tribuna agli alleati del centrodestra. Per la Camera il Catanese è diviso in quattro collegi uninominali: Acireale, Catania città, Misterbianco e Paternò-Caltagirone. Al Senato si scende a due: Catania ed hinterland (Sicilia 8) ed Acireale (Sicilia 7) assieme al resto della provincia. Il partito di Berlusconi esprime solo Basilio Catanoso, nell'acese. Incassa ben due posti la quarta gamba del centrodestra Noi con l'Italia - Udc, accontentando due delle sue anime interne: per il partito di Cesa c'è Giovanni Pistorio nel collegio di Misterbianco. Ex senatore dell'Mpa, Pistorio fino a giugno 2017 era assessore regionale con Rosario Crocetta. Per gli autonomisti spunta nel collegio calatino-paternese Peppe Lombardo, figlio dell'ex deputato Angelo e nipote dell'ex presidente della Regione Raffaele Lombardo. Rifiutato da FI alle Regionali, stavolta il suo posto è stato tutelato direttamente da Roma. Pistorio e Lombardo sono blindatissimi essendo entrambi anche capilista al plurinominale. Su Catania città spazio a Fratelli d'Italia con il consigliere comunale Manlio Messina, la cui elezione è quasi certa, anche perché collocato in ottime posizioni anche nei listini bloccati

Schema analogo al Senato, con il passo indietro dei forzisti. Nel collegio di Acireale si candida, in quota LegaAngelo Attaguile. Democristiano di Grammichele, siede alla Camera dal 2013 da eletto del Movimento per l'Autonomia nel Pdl in Campania. Risale a due anni fa la sua adesione al movimento Noi con Salvini. A Catania riecco l'ex sindaco Raffaele Stancanelli, coordinatore del movimento Diventerà bellissima di Nello Musumeci che schiera i suoi in quota Fratelli d'Italia. 

Centrosinistra 

Alla Camera, l'avvocata Maria Grazia Pannitteri, presidente dell’associazione forense di Paternò, è il nome scelto in extremis dal Pd per il collegio della sua città. Posto cui hanno rinunciatoin aperta polemica con i renziani, prima Concetta Raia dell'ala Cgil e poi la consigliera Ersilia Saverino, vicina al franceschiniano Anthony Barbagallo. L'uscente Giuseppe Berretta sfiderà centrodestra e grillini su Catania città, mentre l'ormai numero uno del Pd catanese, Luca Sammartino corre a Misterbianco contro Pistorio, uomo Udc così come lo era lo stesso Sammartino. 

Nicola D'Agostino, leader di Sicilia futura, dopo giorni di voci discordanti ha infine accettato di correre per il centrosinistra nel collegio di Acireale, in un derby che sa di resa dei conti con lo storico rivale Basilio Catanoso. Il Pd acese, con in testa Fausto Raciti, si troverà a dover così sostenere il proprio avversario più letale degli ultimi anni. Al Senato ci sono il sindaco di Militello Giovanni Burtone nel collegio acese e Valeria Sudano, ex deputata regionale di Articolo 4 e nipote dell'ex senatore democristiano Mimmo, a Catania.

Movimento 5 Stelle

Uscenti e qualche novità per il partito che candida Luigi Di Maio a premier. Alla Camera, la deputata uscente Giulia Grillo sfiderà destra e sinistra su Acireale, mentre a Misterbianco c'è Simona Suriano, già candidata alle ultime Europee. Eugenio Saitta, ex candidato al consiglio di Scordia, correrà su Paternò. Laura Paxia, fondatrice di Icc Digital Media, è il volto scelto dai grillini per la durissima partita su Catania contro Sudano e Stancanelli. Al Senato Tiziana Drago, esponente dell'associazione Famiglie numerose, su Acireale, e l'uscente senatrice Nunzia Catalfo su Catania città.

Liberi e Uguali

Anche nel partito di Pietro Grasso l'uninominale è affare per donne. Mary Chiaramonte, consigliera dell'Ordine degli avvocati etneo, guiderà il partito a Catania alla Camera. Un'altra donna, Valentina Borzì, corre su Paternò, dove si è snodata la vertenza sindacale che l'ha vista protagonista. Matilde Riccioli, commercialista di Zafferana candidata alle Regionali per i Cento passi di Fava, si gioca le sue chance su Acireale. Unici uomini della rosa Luca Barbato, schierato a Misterbianco alla Camera, e Leo Micali al Senato per l'acese. Ambra Monterosso, sindacalista, è candidata al Senato a Catania. 

Potere al Popolo

La sinistra più a sinistra schiera al Senato l'avvocato penalista Goffredo D'Antona su Catania città e Salvo Scuderi, ex consigliere provinciale di Rifondazione comunista, su Acireale. Piero Mancuso dei Briganti rugby (Catania), Stefania Zingale, ex Rifondazione (Misterbianco), Samanta Cinnirella, tra le mamme No Muos (Paternò) e Francesco Strano del circolo Gramsci di Riposto (Acireale) sono i candidati nei collegi per la Camera.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×