Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Vite da salvare, incontro su attività di salvataggio
«Vogliamo fare chiarezza su chi opera in mare»

L'iniziativa si inserisce nel ciclo di eventi dell'iniziativa Cento passi verso il 21 marzo. Alla tavola rotonda, promossa e organizzata da Libera, Pax Chirsti e Banca Etica, parteciparanno alcuni testimoni diretti delle operazioni. «Sulle Ong troppo discredito», spiega a MeridioNews Renato Camarda

Flavia Musumeci

Foto di: Kevin McElvaney per Medici Senza Frontiere

Foto di: Kevin McElvaney per Medici Senza Frontiere

Cosa sta succedendo nelle acque del Mediterraneo? Dopo inchieste e sospetti sul ruolo delle organizzazioni non governative nel soccorso dei migranti, sono poche le navi rimaste, insieme a qualche peschereccio, a sorvegliare le coste e a prestare assistenza umanitaria durante gli sbarchi. «Solo due», secondo Renato Camarda, membro del coordinamento catanese di Libera e coordinatore territoriale delle iniziative di Banca Etica. Così, per fare il punto sulle esperienze di queste organizzazioni, si terrà domani a Catania, nella Parrocchia Santissimo Crocefisso dei Miracoli, l’incontro pubblico Vite da salvare, promosso e organizzato da Libera, Pax Christi e Banca Etica.

Fino a questa estate erano nove le navi impegnate nel Canale di Sicilia a intervenire lì dove da sola non riusciva ad arrivare Triton, operazione finanziata dall’Unione Europea, a cui partecipano ventinove Paesi, che prevede il controllo delle acque internazionali fino a trenta miglia dalle coste italiane, con lo scopo principale di controllare la frontiera. «Molte di queste navi sono andate via dal Mediterraneo perché i responsabili delle organizzazioni e i loro operatori erano indignati – commenta Camarda -. Non si possono cucire addosso a questi soggetti accuse che non hanno nessun fondamento e che hanno prodotto il solo risultato di creare caos dove la situazione era già drammatica».

Quali le accuse? Nel 2016 si sono susseguiti indagini e sospetti nei confronti delle Ong operanti nel Mediterraneo. Dal rapporto stilato da Frontex, l’agenzia per il controllo delle frontiere europee, emergevano accuse nei confronti di diverse organizzazioni umanitarie di aver indirettamente aiutato gli scafisti. In particolare, nel rapporto di febbraio, Frontex sosteneva che l’attività delle Ong a ridosso della costa libica producesse «conseguenze non volute» e che il rischio fosse quello di «attrarre i trafficanti». Successivamente alcune inchieste venivano aperte dalle procure di Trapani e Catania, e intanto da Luigi Di Maio, Movimento 5 stelle, quelle navi venivano definite taxi del mare.

Le audizioni in commissione Difesa al Senato si sono concluse con l’esclusione di qualsiasi tipo di collusione tra le Ong e i trafficanti. Il codice di condotta voluto dal ministro dell’interno Marco Minniti è stato firmato da tutte le Ong tranne Medici senza Frontiere. Una di loro, la tedesca Iuventa, è sotto sequestro a Trapani per le indagini in corso. Save the Children è rimasta in mare fino al 30 ottobre, poi la nave Vox Hestia è rientrata in porto. «Noi, come singoli e come associazioni, ci siamo interessati a questo tema e ci incontreremo domani per fare chiarezza» spiega Camarda.

All’incontro parteciperanno attori e testimoni diretti delle attività di salvataggio in mare. Saranno presenti Nicoletta Dentico, già responsabile Medici Senza Frontiere, suor Mary Anne Nwiboko che si occupa della tutela e dell’accoglienza delle ragazze nigeriane coinvolte nelle tratte delle prostitute bambine. Daniele Biella, giornalista e scrittore che ha visto da vicino il lavoro delle Ong e la magistrata Simona Ragazzi. L’incontro si inserisce nel ciclo di eventi dell’iniziativa Cento passi verso il 21 marzo, data in cui sarà celebrata in tutta Italia la memoria delle vittime di tutte le mafie e che «quest’anno vede a Catania la sua manifestazione principale a livello regionale», conclude l’esponente di Libera.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×