Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Confisca a Vacante, mente affari dei Santapaola
Beni per 15 milioni di euro, tra società e immobili

L'uomo, attualmente recluso al 41bis, è stato arresto a gennaio 2016 durante l'operazione antimafia Bulldog. Secondo gli inquirenti della polizia etnea avrebbe investito i soldi della famiglia catanese di Cosa nostra. Sigilli ad aziende attive nell'ambito dei parcheggi e gestione di strutture sportive 

Redazione

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Per gli investigatori Roberto Vacante avrebbe rivestito per anni il ruolo di mente degli affari della famiglia mafiosa di Cosa nostra dei Santapaola. Un legame che avrebbe avuto solide basi nella parentela con gli storici esponenti dell'organizzazione mafiosa. L'uomo, che attualmente si trova recluso in carcere al 41bis, è nipote acquisito dello storico capomafia Benedetto Santapaola, per avere sposato una delle figlie del fratello di quest'ultimo. Arrestato l'ultima volta nel gennaio 2016 durante l'operazione antimafia Bulldog, Vacante avrebbe riciclato i soldi di Cosa nostra attraverso una serie di attività commerciali e società. Nel processo di primo grado è stato condannato a undici anni e sei mesi. Mentre i suoi beni erano stati sequestrati a maggio 2016.

Adesso per lui è arrivata la confisca di beni, per un valore di 15 milioni di euro. A stabilirlo è stato il tribunale misure di prevenzione su richiesta degli esperti della divisione anticrimine della questura di Catania. Tra le aziende confiscate c'è la Parking car srl, e l'impresa Giarrussocatering. Sigilli anche al cento per cento delle quote della cooperativa The bulldog camp. Sempre nell'ambito della gestione dei parcheggi rientra la confisca delle imprese individuali Maria Santonocito e Car Service

Nell'elenco anche la Torrisi costruzioni, attività operante nel settore dell'edilizia residenziale e degli appalti pubblici. Collegata anche ad alcuni immobili in via Pietro Mascagni, nei pressi di Corso Italia, a Catania. I giudici hanno invece rigettato la proposta di confisca della società La Rena rent car con l'annessa unità locale denominata l'Oste di Tremestieri.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×