Foto di: federnuoto.it

Coppa Italia, trionfo dell' Ekipe Orizzonte Catania
SIS Roma ko 6-12, è il secondo trofeo stagionale

Giorgio Tosto

Sport – La squadra catanese continua a vincere mettendo in bacheca la quarta coppa Italia in una finale senza storia già dal primo quarto. Capitan Garibotti e Bianconi top scorer con tre reti realizzate a testa. L'allenatrice Martina Miceli entusiasta: «Siamo tornate ad alti livelli», commenta

Vittoria doveva essere, vittoria è stata. Vestire il ruolo delle favorite d'obbligo non è mai facile ma l'Orizzonte Catania ha recitato alla perfezione questa parte e, nel weekend di final four di Coppa Italia, ha mostrato tutta la sua forza in una stagione che, come ha sottolineato l'allenatrice Martina Miceli, sta sancendo il ritorno della squadra a livelli altissimi. Nella finale di ieri pomeriggio, la SIS Roma allenata dall'ex Pierluigi Formiconi è stata battuta con un netto 6-12, in un incontro che ha certificato la superiorità etnea sin dall'inizio: partenza sprint di Catania che, dopo 80'', è andata subito sullo 0-2 grazie ad Aiello e Garibotti. Roma prova a pungere, ma la portierona Ashleight Johnson dimostra di essere un grande interprete del ruolo, con Roberta Bianconi e Arianna Garibotti che rimpinguano il vantaggio, in un primo tempo chiuso sullo 0-4.

L'Orizzonte incrementa il distacco anche nel corso del secondo parziale: Roma si sblocca grazie a Sara Centanni, con un gol realizzato sfruttando la superiorità numerica. Le ragazze di Martina Miceli però non si scompongono e piazzano un nuovo allungo grazie ad altre due reti di Roberta Bianconi, che permettono alle etnee di arrivare al riposo lungo sul 1-6. Il terzo parziale è caratterizzato dal tentativo di rimonta della SIS che grazie a una doppietta di Domitilla Picozzi e a un gol di Centanni rientrano in partita: nel momento di massimo sforzo, però, un rigore di Garibotti e la rete di Rosaria Aiello allontanano definitivamente la squadra di Formiconi. Nell'ultimo parziale Catania certifica la sua superiorità con un parziale di 2-4 che vede andare in gol due volte l'olandese Sabrina Van der Sloot, Carolina Ioannou e Valeria Palmieri.

Martina Miceli, condottiera dalla panchina dell'Orizzonte Catania, commenta con entusiasmo il secondo successo stagionale, ottenuto dopo la vittoria in FIN Cup dello scorso novembre, sempre con la SIS Roma: «Ci tenevamo molto a conquistare questo trofeo - specifica - anche perché oggi siamo diventate l'unica squadra ad aver vinto tre edizioni della Coppa Italia da quando esiste la nuova formula. Volevamo fortemente questo successo - spiega l'ex atleta della nazionale - pur sapendo che gli obiettivi più importanti devono ancora arrivare. Sono molto contenta di tutte le ragazze: adesso, siamo tornate ad alti livelli. La strada che ci ha portato fin qui è stata molto lunga, ed è doveroso elogiare il lavoro che è stato fatto da tutte noi, ripartendo dal nostro vivaio e dalle nostre forze».

Dello stesso parere anche la vice allenatrice Tania Di Mario: «Naturalmente sono anch'io molto contenta, non potrebbe essere altrimenti. È bello vincere una competizione che dobbiamo considerare come quasi importante. Martina Miceli sta facendo un grande lavoro, i risultati si vedono e questo mi rende molto felice. Però - ricorda Di Mario - questo non può bastarci: adesso dobbiamo concentrarci su tutto il restP». Vista la dimostrazione di forza di queste Final Four di Coppa Italia non è dunque eccessivo affermare che, per l'Orizzonte Catania, il meglio debba ancora arrivare.

IL TABELLINO:

SIS ROMA-EKIPE ORIZZONTE 6-12 (0-4, 1-2, 3-2, 2-4)

SIS Roma: Sparano, Tabani, Gual 1, Marani, Giovannangeli, Tankeeva, Picozzi 2, Sinigaglia, Galardi 1, Centanni 2, Giachi, Rugora, Brandimarte. All. Formiconi

Ekipe Orizzonte: Johnson, Ioannou 1, Garibotti 3 (1 rig.), Bianconi 3, R. Aiello 2, Grillo, Palmieri 1, Marletta, Van der Sloot 2, Morvillo, Riccioli, Lombardo, Schillaci. All. Miceli

Arbitri: Frauenfelder e Calabrò

Note: sup. num. SIS Roma 3/8, Orizzonte 4/6. Rigori: Orizzonte 1/1