Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Caltagirone, si sarebbe masturbato vicino ai bambini
Segnalato da una donna, papà lo bloccano: arrestato

Il fatto sarebbe avvenuto domenica, intorno alle 12. Una madre si sarebbe affacciata al balcone per controllare i ragazzini che giocavano in piazza, e a quel punto avrebbe visto un ragazzo con i pantaloni e le mutande abbassati, intento a toccarsi. A quel punto la corsa dei genitori per fermarlo, con forza, prima dell'arrivo dei carabinieri

Luisa Santangelo

Domenica, tarda mattinata, quasi ora di pranzo. È intorno a mezzogiorno che una madre si affaccia sulla strada, nei pressi dell'istituto d'Arte per la ceramica, a Caltagirone, per controllare i bambini che giocano nella piazzetta nei pressi della scuola. A quel punto, però, avrebbe visto dall'alto che accanto al muretto c'è un ragazzo di 25 anni, di colore, coi pantaloni e le mutande abbassati. Secondo la versione della donna, l'uomo si sarebbe toccato per masturbarsi a poca distanza dai ragazzini, età media sette anni. Lei chiama gli altri genitori dal balcone, prende il telefono e avverte i carabinieri, intanto i papà corrono giù dalle scale.

Lui, un nigeriano con precedenti di polizia - in Lombardia - per resistenza a pubblico ufficiale, avrebbe provato a scappare. Ma gli altri uomini, arrivati in strada, lo avrebbero bloccato con forza. «Rischiava il linciaggio», riferisce il lancio dell'agenzia di stampa. Le forze dell'ordine sul posto, però, abbassano i toni: «Lo hanno strattonato e tenuto fermo, ma non ci sono state aggressioni». I carabinieri di Caltagirone, del resto, sono arrivati dopo pochi istanti: il fatto è avvenuto nel centro del Comune, la pattuglia era in zona. Quando i militari sono arrivati, lo avrebbero trovato ancora seminudo.

Al momento, il 25enne nigeriano si trova nel carcere calatino, in attesa dell'eventuale convalida dell'arresto per corruzione di minorenne e atti osceni in luogo pubblico. Secondo la prima ricostruzione, l'uomo si sarebbe trovato irregolarmente sul territorio e non avrebbe avuto una fissa dimora. Se dovesse essere scarcerato, dovrebbero partire per lui le operazioni di rimpatrio. Ma tutto è soggetto a ulteriori verifiche: alcuni residenti hanno riferito, per conto di terze persone, che quello di ieri a pranzo non sarebbe stato l'unico episodio simile. Su questo aspetto, però, le indagini sono in corso, perché gli investigatori intendono verificare se queste ultime accuse sono vere o se sia, soltanto, l'esagerazione di alcune voci. Anche perché sembra che i carabinieri non lo avessero mai visto nella zona prima di ieri.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×