Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Rapinatore individuato per dna su bicchiere di amaro
Si ferma a bere liquore dopo avere svaligiato la villa

Dario Amato, Gaetano Gullì e Frenk Di Stefano sono accusato di avere fatto parte del commando di rapinatori che a febbraio 2015 si è introdotto in un'abitazione di Grammichele, picchiando e derubando due anziani. Uno di loro, mentre i complici rovistavano in casa, si sarebbe intrattenuto al piano bar del soggiorno. Guarda le foto

Redazione

Uno di loro è stato individuato grazie all'esame del dna. Perché dopo avere rapinato - nella loro villetta - una coppia di anziani di Grammichele si era fermato sul piano bar del soggiorno della loro casa e aveva bevuto un bicchiere di Amaro Montenegro. La sua saliva sul piccolo calice è servita ad aiutare gli investigatori a riconoscere lui e i suoi due complici. Così, a tre anni dalla rapina (avvenuta a febbraio 2015), sono finiti in manette Dario Amato (26 anni) e Gaetano Gullè (24 anni), mentre la stessa ordinanza è stata notificata a Frenk Di Stefano, già detenuto nel carcere di Milano Opera.

Frenk Di Stefano

Dario Amato

Gaetano Gullè

Secondo gli investigatori, i tre sono considerati gli autori materiali della rapina ai danni dell'anziana coppia di Grammichele. Quel giorno, i tre - assieme ad altri due complici - si sarebbero introdotti nel cortile della villa e avrebbero atteso il rientro dei coniugi. Al loro arrivo li avrebbero prima minacciati con una pistola, poi li avrebbero picchiati e costretti a consegnare loro soldi e gioielli. Compresa la fede nuziale della donna. Tre anni dopo, e grazie al dna, i presunti malviventi sarebbero stati individuati. Sono accusati di rapina in concorso pluriaggravata. Amato e Gullè sono stati portati nel carcere di Caltagirone.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×