Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Via Teocrito, residenti contro nuovo divieto transito
«Hanno bloccato tutto, impossibile rientrare a casa»

Per chi abita in zona quel cartello in via Luigi Rizzo è spuntato dal nulla. Bloccando l'accesso a garage e abitazioni sulla strada durante le ore della fera 'o luni, il mercato giornaliero del centro di Catania. «Adesso lasciamo l'auto dai parcheggiatori abusivi», dice un residente a MeridioNews. Guarda le foto

Giorgia Lodato

«Al mattino è diventato impossibile passare dalla via di casa nostra». Lo dice a MeridioNews un residente di via Teocrito, strada del centro di Catania a metà strada fra piazza Stesicoro e piazza Carlo Alberto, sede del mercato fera 'o luni. «La vicina via Luigi Rizzo, vicino il negozio  Bruno Euronics, era l'unico percorso possibile per arrivare al nostro garage - spiega il signor Armando Gennaro - se prima eravamo costretti a schivare le bancarelle della fiera che non rispettano mai gli spazi assegnati, ora dobbiamo obbligatoriamente lasciare l’auto nelle strisce blu, nei garage pubblici o, peggio ancora, dai posteggiatori abusivi».


Da diversi giorni i cittadini che convivono con le attività del mercato storico catanese sono in agitazione per un nuovo cartello di divieto di accesso posto proprio in via Rizzo. Ciò impedirebbe loro il passaggio verso i loro posti auto, al cui accesso risulta esserci un regolare passo carrabile che costerebbe ben «tremila euro l’anno». «I vigili minacciano di farci la multa – raccontano indignati - e quando facciamo loro notare che è nostro diritto passare per andare a casa dicono che ci capiscono, ma che hanno le mani legate sulla questione, avendo ricevuto ordine di non far accedere le macchine».

Qualcuno si ammorbidisce e chiude un occhio, ma il problema non può dirsi certo risolto. «È una situazione assurda - prosegue Gennaro - hanno messo un divieto senza rendersi conto che tutte le vie di accesso, così, vengono bloccate. Per tutta la mattinata, il sabato anche di pomeriggio, diventa un’impresa entrare e uscire con l’auto ed è problematico soprattutto per chi esce a fare la spesa o a prendere i bambini a scuola». 

I residenti avrebbero chiesto, senza esito positivo, un confronto con l'amministrazione e la polizia municipale. Dopo aver provato più volte, nemmeno noi di MeridioNews siamo riusciti ad avere una risposta. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×