Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Acireale, i due scenari dopo l'arresto di Barbagallo
Ritiro di fatto per D'Agostino e Comunali anticipate

Scelte clamorose, nelle prossime ore, nessuno le esclude. Come le dimissioni del sindaco, che porterebbero la città al voto assieme a Catania, e la desistenza dalla campagna per le Politiche del deputato di Sicilia futura. Il campo è minato e fare finta che niente sia accaduto pare piuttosto difficile

Francesco Vasta

Tra Acireale e Catania, in giro per le segreterie di Sicilia futura, non c'è il consueto via vai di giovani, amici e militanti. Ci si stringe intorno al leader ferito, Nicola D'Agostino, scegliendo un low profile più che obbligato dopo l'arresto del braccio destro del deputato regionale, il sindaco acese Roberto Barbagallo. Dire che il morale è sotto i tacchi è più di un eufemismo. La forza politica passa dall'essere un temuto e corteggiato ago della bilancia, all'epicentro di una bufera giudiziaria con ripercussioni eminentemente politiche. Nel bel mezzo, peraltro, di un calendario di scadenze elettorali da brivido. Le Politiche del 4 marzo vedono D'Agostino in prima linea, candidato del centrosinistra all'uninominale per la Camera nel collegio di Acireale. Già dal 5 marzo, poi, scatterà una nuova corsa alle urne: le Amministrative in 22 Comuni della provincia, a partire da Catania, dove Sicilia futura ha finora governato al fianco di Enzo Bianco. Nel tourbillon delle Amministrative, d'altronde, potrebbe finirci persino Acireale, nel caso Barbagallo getti la spugna rassegnando le dimissioni che per qualcuno appaiono già inevitabili. I tempi tecnici, in caso di addio del primo cittadino, affinché la città dei cento campanili possa essere inserita nell'imminente tornata di Comunale ci sono tutti. 

Il campo è minato, e per questo già da ieri deputato e fedelissimi riflettono sul da farsi senza escludere clamorose decisioni. «Io sono candidato e mi ritrovo nella necessità di decidere, con il cuore gonfio di dolore, cosa fare», ha scritto D'Agostino in un comunicato grondante di dubbi. Far finta di niente e proseguire in una marcia d'avvicinamento alle Politiche già complicata per lo svantaggio dem nei confronti dei grillini e soprattutto del centrodestra. Verso gli sfidanti di collegio più accreditati dai sondaggi, Giulia Grillo e Basilio Catanoso, D'Agostino immaginava di giocare una campagna arrembante, una replica ravvicinata e più breve di quella paese per paese delle ultime Regionali. Contando sulla sponda degli amici-nemici del Pd e puntando tutto su una rimonta che potesse almeno ridurre il margine dell'eventuale sconfitta. Tutto sembra oggi già compromesso dall'inchiesta Sibilla

La exit strategy potrebbe assumere così i connotati di un ritiro di fatto del candidato alla Camera. L’annuncio di una desistenza dalla campagna elettorale, sebbene il Rosatellum renda ormai impossibile l'effettiva cancellazione del nome di D'Agostino dalle schede del collegio di Acireale. Dall'area renziana del Pd finora filtrano solo segnali di sostegno verso il deputato regionale, che se dovesse però decidere in tal senso non verrebbe ostacolato. Troppo complicato tenere in piedi una campagna già problematica di suo e adesso pure concentrata sugli sviluppi giudiziari del caso Barbagallo. 

Sull'ipotesi si deciderà «con tempestività», in uno o due giorni massimo. Poi si passerà al piano b per Acireale. Per impedire principalmente il ritorno in Comune del centrodestra di Catanoso, nel frattempo rinfrancato dalla probabile quinta elezione al Parlamento in carriera. E anche per non mollare su Catania, dove il centrosinistra deve ancora ricompattarsi sul sindaco Bianco, in caso di sua candidatura. Non manca chi, dentro Sicilia futura, guarda con interesse ad altre opzioni, agevolato dal profilo centrista della contenitore di D'Agostino e Nico Torrisi: convergere sul centrodestra del papabile candidato Salvo Pogliese oppure guardare a proposte civiche come quella di Emiliano Abramo

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×