Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Adrano, indagato il sindaco Pippo Ferrante
Ipotesi di falso e abuso d'ufficio per bilanci

L'ex primo cittadino adranita nel 2015 ha presentato un esposto su presunte irregolarità nei documenti contabili del Comune. Adesso la magistratura sarebbe sul punto di chiudere le indagini a carico dell'attuale primo cittadino. «Se venisse rinviato a giudizio - attacca Fabio Mancuso - dovrebbe dimettersi»

Salvatore Caruso

L’attuale sindaco di Adrano Pippo Ferrante è indagato per falso in atto pubblico e abuso d’ufficio. A breve potrebbe ricevere l'avviso di conclusione delle indagini, che potrebbe portare a una richiesta di rinvio a giudizio. Ad annunciarlo è l'ex sindaco adranita ed ex deputato regionale Fabio Mancuso, che ha presentato - nel 2015 - l'esposto che avrebbe fatto partire l'inchiesta su presunte irregolarità nei bilanci del Comune. Assieme al primo cittadino Ferrante sarebbero indagati anche due funzionari municipali

Nell'esposto presentato da Mancuso si parla di «una serie di irregolarità, come la dissimulazione della sussistenza dei presupposti che avrebbero reso obbligatoria la dichiarazione di dissesto da parte del Consiglio comunale». Un fatto questo che avrebbe portato, secondo Mancuso, dei vantaggi all'attuale primo cittadino. «Scongiurando la propria decadenza o cessazione della carica, e sottraendosi al giudizio di responsabilità della Corte dei conti». «Ci siamo accorti già nel 2013 che il Comune di Adrano era in dissesto - dichiara a MeridioNews Mancuso - Abbiamo notato che il sindaco e la giunta si sono disinteressati di questo fatto gravissimo e hanno continuato».

Per l'ex sindaco adratina, «determinati contratti sottoscritti dall'ente comunale non erano coperti da adeguate risorse finanziarie, e alcune sono state spostate verso altri capitoli di bilancio». Frasi alle quali si accompagna qualche sassolino gettato fuori dalle scarpe: «Per anni è stato detto che i debiti erano stati lasciati dall'amministrazione precedente (la sua, ndr), ma adesso la procura farà chiarezza. Se Ferrante dovesse essere rinviato a giudizio, si dovrebbe dimettere subito». «Non avendo mai violato la legge né abusato del mio ufficio di sindaco - replica Pippo Ferrante attraverso un comunicato - non ho alcun timore che la magistratura indaghi l'operato del sottoscritto».

«Piuttosto, appare quantomeno grottesco - attacca Ferrante - che accuse di poca trasparenza nei confronti di questa amministrazione siano mosse da chi in passato ha sottoscritto contratti che hanno comportato per i cittadini l’esborso ingiustificato di milioni di euro». Soldi che, aggiunge il sindaco senza aggiungere ulteriori dettagli, «avrebbero potuto essere impiegati nel territorio e a sostegno delle fasce più deboli della popolazione».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×