Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sicula Leonzio-Catania, chi sale e chi scende
Lodi impreciso e nervoso, Bogdan sicurezza

Nel pareggio a reti inviolate dell'Angelino Nobile spicca, come spesso è accaduto, la sicurezza del difensore croato, vero e proprio ministro della difesa rossazzurra. Male il centrocampo e gli esterni d'attacco, impalpabili. Il numero dieci etneo non fa la differenza e si fa espellere nel finale 

Giorgio Tosto

Foto di: calciocatania.it

Foto di: calciocatania.it

Lo 0-0 tra Sicula Leonzio e Catania è carico di rimpianti per i rossazzurri, che non profittano del pareggio interno del Lecce nel big-match di giornata contro il Matera, con il Trapani che agguanta i rossazzurri, per di più superandoli in virtù del vantaggio nella differenza reti. Tra gli uomini di Cristiano Lucarelli buona prova del pacchetto difensivo, con Bogdan come al solito sontuoso e bravo a rintuzzare i pochi pericoli provenienti dall'attacco lentinese. Sotto tono tutto il pacchetto mediano, con una speciale menzione negativa per un Lodi impreciso e nervoso, tanto da meritarsi il rosso a partita conclusa.

Top

Bogdan: il centrale ex Vicenza si guadagna ancora una volta i galloni di migliore in campo, con il Catania che esce imbattuto dall'Angelino Nobile di Lentini. Il 26 rossazzurro è sempre preciso e puntuale nelle chiusure, bravo a ripartire e intelligente a spendere il giallo per fermare un Arcidiacono lanciato a rete. Sempre più una sicurezza

Top

Blondett: il compagno di reparto di Bogdan è protagonista di una prova determinata, avvalorata dal fatto che anche a causa dell'infortunio ha giocato pochissime partite da titolare. È anche merito suo se Pisseri non rischia praticamente nulla nel corso della partita

Top 

Aya: non è facile contrastare un peperino come Arcidiacono, giocatore veloce e tecnico che, quando vede rossazzurro dà il meglio di sé. Il centrale italo-tunisino, adattato da terzino destro, svolge al meglio il suo compito, limitando con le buone e le cattive le folate dell'esterno catanese della Sicula Leonzio. Giocatore polivalente.

Flop

Lodi: il numero dieci etneo stavolta non fa la differenza, non sfruttando alcuna delle doti che solitamente contraddistinguono il suo gioco. Probabilmente in difficoltà nell'improponibile terreno del Nobile, l'ex Genoa non riesce a dettare i tempi e a trovare gli spazi giusti per i suggerimenti in avanti e non risulta decisivo sui calci piazzati, sua classica arma letale. Il nervosismo lo spinge anche a dire qualche parola di troppo all'arbitro che alla fine lo butta fuori: prova insufficiente.

Flop

Mazzarani: Lucarelli lo preferisce a Rizzo, date le sue virtù di assaltatore in una partita in cui la spada vale più del fioretto. Il numero 32 rossazzurro però, come spesso capita, si accende e si spegne senza lasciare una chiara impronta sul gioco degli etnei. Troppo spesso impalpabile.

Flop

Manneh: il ragazzino, splendido contro Cosenza e Siracusa, non riesce stavolta a fare la differenza in una partita che, probabilmente, non era totalmente adatta alle sue caratteristiche. L'esterno d'attacco rossazzurro soffre il pressing dei difensori bianconeri, non riuscendo mai a prodursi nei suoi classici allunghi, grazie anche alla grande prova del dirimpettaio De Rossi. Forse è ancora troppo acerbo per certe battaglie.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×