Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Aci Sant'Antonio, stamattina rapina alle poste
Dipendente chiuso in sgabuzzino è sotto shock

Si sono presentati a volto coperto alle poste e hanno sequestrato gli impiegati. Uno di loro, rimasto all'interno di una stanzetta, adesso, è in ospedale a causa del trauma. Sul piede di guerra la Cisl: «I lavoratori non sono vigilantes», dice a MeridioNews il segretario provinciale Salvo di Grazia

Carmelo Lombardo

Una rapina con sequestro di persona. È quanto avvenuto questa mattina all'ufficio postale di Aci Sant'Antonio in via Luigi Einaudi. I malviventi sono entrati da una parete comunicante con un altro locale su cui dieci giorni fa era stato praticato un foro, presumibilmente dagli stessi uomini che preparavano il terreno per compiere il furto. Sono entrati a volto coperto e sono riusciti a prendere un bottino che si aggira sui cinquantamila euro. Per riuscire nell'intento criminale, gli uomini hanno sequestrato gli impiegati che erano a lavoro all'interno dell’ufficio. Uno di loro, che è stato chiuso dentro a uno sgabuzzino, adesso si trova ricoverato in ospedale in stato di shock. 

«I reclami fatti fino a oggi sono rimasti inascoltati», denuncia Salvo Di Grazia, il segretario provinciale della Cisl che aveva già provveduto, nei giorni scorsi, a fare presente agli organi superiori il danno al muro. «I dipendenti sono da tempo nel mirino di un insolente disinteresse di chi in azienda dovrebbe agire con estrema tempestività e, soprattutto - continua - i lavoratori sono diventati le vittime sacrificali di una politica economica aziendale incentrata tutta sul taglio delle risorse, specie in tema di sicurezza che sarebbe invece l'aspetto su cui investire di più». Il riferimento del segretario è alla soppressione della figura del vigilantes negli uffici postali che è stata formalizzata proprio in questi giorni.

«I dipendenti sono degli sportellisti e non delle guardie giurate - lamenta Di Grazia a MeridioNews - e, dopo gli ultimi cambiamenti, invece sono sempre di più esposti al pericolo così come gli stessi direttori. Il compito di predisporre la sicurezza spetterebbe agli organi superiori». Nel caso dell'ufficio postale di Aci Sant'Antonio, era stato lo stesso direttore, secondo quanto afferma Di Grazia, a segnalare l’anomalia: «Ma è stato inascoltato, sia lui che noi». Adesso, il sindacato si appellerà alla sede regionale di Poste italiane per cercare di dare ragione alle cause degli impiegati. «Continueremo a sollecitare gli organi preposti e, in base alle loro risposte, decideremo che tipo di azioni intraprendere», conclude il segretario della Cisl.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×