Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Vertenza Cipi, trovato l'accordo per la chiusura
Ai lavoratori garantiti nove mesi di buona uscita

È questo l'esito di una riunione che si è tenuta venerdì pomeriggio in prefettura. «Non è affatto un brutto traguardo quello che abbiamo strappato ai vertici dell'azienda, garantendo una valvola di salvezza per i dipendenti», commenta a MeridioNews il segretario della Fistel Cisl, Antonio D'Amico 

Marta Silvestre

licenziamenti collettivi di 52 dipendenti avverranno e l'azienda Cipi chiuderà lo stabilimento produttivo catanese ma con un accordo per l’esodo incentivato e con nove mensilità di buona uscita. È questo l'esito di una riunione in prefettura che si è tenuta venerdì pomeriggio per discutere delle sorti della ditta che si occupa di realizzare gadget promozionali personalizzati a livello industriale, nata a Catania nel 1964 per volere dell'imprenditore Rosario Circo

«I lavoratori hanno protestato in modo instancabile e hanno percorso tutte le strade possibili proponendo anche alcune soluzioni alternative che, però, non sono state accolte positivamente dai vertici aziendali - spiega a MeridioNews il segretario regionale Fistel Cisl Antonio D'Amico - Ieri siamo riusciti a strappare, però, un accordo che è una valvola di salvezza per i dipendenti immobilizzati dall'attesa delle lettere di licenziamento». Al tavolo in prefettura erano presenti molti ex lavoratori della Cipi, i loro rappresentanti sindacali, Confindustria, gli addetti dell'Ispettorato del lavoro e dell'ufficio provinciale del lavoro, il viceprefetto di Catania Domenico Fichera e l'imprenditore Rosario Circo.

Si chiude così - almeno per il momento - la vertenza iniziata a gennaio quando, durante un incontro informale, ai rappresentanti dei lavoratori era stata comunicata la scelta dall'alto di cessare l'attività di produzione nella Zona industriale di Catania e mantenere solo la sede dei settori commerciale e marketing, a Milano, dove sono occupate una ventina di persone. Scioperi davanti allo stabilimento e nel centro della città, tavoli di crisi in Regione, anche un incontro al ministero dello Sviluppo economico

Nulla è servito a mutare la volontà dell'imprenditore etneo di chiudere lo stabilimento senza cessione del ramo d’azienda e senza proseguimento dell’attività in cooperativa. «Ma ci consola in parte l'accordo che siamo riusciti a strappare che non è affatto un brutto traguardo, anzi ci è sembrato il primo segno concreto di apertura dei vertici dell'azienda nei confronti dei lavoratori che per molti anni hanno lavorato per la ditta accettando anche di fare pesanti sacrifici - commenta D'Amico - L'azienda chiederà un prestito per garantire ancora quasi un anno di stipendio agli ex dipendenti e, entro i prossimi sei mesi, tutti dovrebbero ricevere anche quello che spetta loro per i trattamenti di fine rapporto».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×