Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania-Juve Stabia 0-0, chi sale e chi scende
Lodi gran direttore d'orchestra, male i terzini

Lo 0-0 del Massimino rappresenta per il Catania una grande occasione mancata: Lodi spicca tra le fila del Catania, dai suoi piedi passano i palloni più pericolosi. In difficoltà in particolare i terzini: Marchese è apparso, in particolare, il più in difficoltà

Giorgio Tosto

Lo 0-0 del Catania al Massimino contro la Juve Stabia è deludente, sia per la prestazione complessiva che per la classifica che, adesso, vede il Lecce nuovamente padrone del proprio destino con quattro punti di vantaggio sugli etnei. Contro una squadra volitiva e iper difensiva, i rossazzurri hanno avuto il torto di non riuscire a sbloccare la gara, con una manovra troppo macchinosa

Top

Francesco Lodi: il numero dieci rossazzurro è l'indispensabile metronomo della squadra. Parte da mezzala, ma spesso arretra davanti la difesa per provare a prendersi palloni giocabili. Le sue sventagliate da una parte all'altra del campo sono un'arma che non viene sfruttata a dovere dal Catania. Nel secondo tempo il fantasista cala di tono, ma rimane sempre il punto di riferimento della manovra etnea.

Top

Marco Biagianti: cuore e grinta da capitano gli varrebbero addirittura la palma di migliore in campo, in un primo tempo giocato alla grande. Precisione nei contrasti e lucidità nel ripulire palloni sporchi lo rendono pressoché invincibile ma, nella ripresa, cala leggermente e si fa ammonire. Lucarelli per evitare problemi lo richiama in panchina attorno all'ora di gioco.

Top

Khalifa Manneh: stavolta il ragazzo gambiano non riesce a essere decisivo come nelle precedenti partite, ma nel primo tempo i suoi strappi mettono nettamente in difficoltà il pur veloce Nava. Si sbatte e rincorre gli avversari, rientrando anche nella propria trequarti: la generosità non gli manca di certo, stavolta a mancare è un po' di lucidità negli ultimi metri, anche a causa dei sistematici raddoppi degli avversari. Prova comunque positiva la sua.

Flop

Giovanni Marchese: il terzino nisseno stavolta è apparso il più in difficoltà tra le fila rossazzurre. Non riesce a spingere con convinzione (neanche un cross pericoloso scagliato verso il centro) e, fra l'altro, soffre il gran dinamismo di Canotto. Viene sostituito nella ripresa da un Porcino apparso nettamente più in palla dal punto di vista fisico e tecnico.

Flop 

Edoardo Blondett: l'ex difensore del Cosenza fa il compitino, ma si nota chiaramente come sia un giocatore adattato sulla fascia. I movimenti non sono ancora oliati e Strefezza è un cliente assai problematico: Semenzato ed Esposito, evidentemente, danno meno garanzie rispetto al numero 16 rossazzurro.

Flop

Luka Bogdan: fa una buona partita in difesa, rimediando una ammonizione che gli farà saltare la trasferta contro l'Akragas. Rimane però un ombra nel suo match: la clamorosa palla gol cestinata con un colpo di testa che sarebbe stato più facile mandare in rete che non far uscire. Purtroppo è andata male.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×