Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Porto, i lavoratori occupano la nave Cartour gamma
L'arrivo di Grimaldi Lines e l'ombra del licenziamento

L'acquisizione del cento per cento delle quote societarie di New TTT Lines da parte dell'armatore ha diffuso preoccupazione tra i duecento dipendenti, che non sanno ancora che fine faranno i loro contratti. C'è l'ipotesi di un disimpegno. Infruttuoso il tavolo prefettizio svoltosi oggi a Napoli

Marco Militello

Foto di: Marco Militello

Foto di: Marco Militello

I lavoratori della nave traghetto Cartour Gamma sono duecento. Una decina sono i dipendenti della biglietteria che si trova al porto di Catania, poi ci sono i 150 che fanno la spola - a bordo - tra il capoluogo etneo e Napoli (macchinisti, assistenti di camera, equipaggio), infine una trentina di amministrativi impiegati all'ombra del Vesuvio. In tutto i catanesi sono più o meno 30, un centinaio i siciliani, altrettanti i napoletani o in genere i campani. Poche settimane fa si è diffusa un'indiscrezione secondo cui l'armatore Grimaldi lines starebbe rilevando sia l'imbarcazione sia la tratta marittima da New TTT Lines (di cui controlla il cinquanta per cento delle quote societarie). E da allora, per i dipendenti, il futuro ha assunto la forma di un punto interrogativo. Il timore della Filt Cgil, il sindacato di settore, è che l'azienda si stia preparando a liberarsi dei loro contratti. Spaventa non poco l'assenza di una qualsiasi clausola che imponga all'acquirente di prendere in carico anche la forza lavoro. 

Questa mattina i lavoratori hanno ricevuto un fax con cui Grimaldi ordina il disarmo della nave - che, in gergo marittimo, significa ormeggio al porto di Napoli e tutti a terra - per il 22 di aprile. Peraltro, la dicitura utilizzata dall'armatore («sbarco per disarmo» anziché «sbarco per vendita nave») metterebbe a rischio l'indennizzo che spetterebbe a molti di loro alla chiusura dei contratti. Ma, in assenza di chiarezza sui livelli occupazionali, Cartour gamma non si muoverà dalla zona dei moli 9 e 10 del porto, dove si trova adesso, perché i dipendenti l'hanno a tutti gli effetti occupata

Frattanto, sia a Catania che a Napoli, il sindacato si dà da fare per cercare una soluzione. Questa mattina la prefettura partenopea ha ospitato un tavolo di concertazione che però si è rivelato un flop, per via del forfait di Grimaldi. Brutto segno. Al porto etneo, i cigiellini catanesi Edoardo Pagliaro e Alessandro Grasso hanno incontrato il presidente del'autorità portuale Andrea Annunziata. Che - almeno secondo il racconto dei presenti - avrebbe mostrato disponibilità a giocare un ruolo attivo nella vicenda, pur nella distinzione dei ruoli. 

La nave traghetto Cartour gamma - una bestiola da oltre 27mila tonnellate per 186 metri di lunghezza, e una capienza da quasi mille persone e 170 vetture - è stata costruita nel 2006. Di proprietà di Caronte&Tourist, dall'aprile 2015 naviga stabilmente tra Catania e Napoli. In precedenza, invece, copriva la tratta Messina-Salerno. La scheda tecnica di New TTT Lines la definisce una «nave di nuova concezione per il trasporto di passeggeri e merci per traversate piacevoli e veloci, garantisce un viaggio di assoluta sicurezza e comfort». È dotata di un ristorante, di vari bar, di una zona per l'accoglienza dei disabili, di copertura satellitare per la telefonia mobile e di connessione internet in roaming. I dipendenti, tutti stagionali, lavorano sei mesi all'anno. Prima del 2015 - quando Grimaldi Lines ha rilevato il 50 per cento delle quote da Caronte - i mesi di lavoro erano otto. Alcuni di loro sono in servizio dal 2002. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×