Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Credito siciliano, chiudono dieci filiali nel Catanese
Stop sportelli ad Adrano, Caltagirone e Cannizzaro

Con il via libera dato da Bankitalia alla fusione della banca isolana con il Credito valtellinese arriva anche un piano di riduzione dei costi sottoscritto con i sindacati. In Sicilia è prevista, in totale, la chiusura di 22 uffici. Dei quali quasi la metà in provincia di Catania. È previsto anche un esubero di 60 dipendenti

Salvatore Caruso

Foto di: Francesco Vasta

Foto di: Francesco Vasta

Dopo la notizia, nelle scorse settimane, della chiusura di diverse filiali, in Sicilia, del Banco popolare siciliano, arriva anche quella che riguarda il Credito siciliano. Il gruppo bancario entro il 30 giugno chiuderà le proprie filiali sull'Isola. Tutto è dipeso dal via libera dato da Bankitalia alla fusione del Credito siciliano nel gruppo Credito valtellinese che, in base a un accordo sulla riduzione dei costi sottoscritto con i sindacati, si prepara a chiudere 22 uffici in Sicilia, dei quali dieci in provincia di Catania. Con un esubero previsto di 60 dipendenti, che potranno aderire all'esodo anticipato entro il prossimo 1 luglio. Nel caso di mancate adesioni al prepensionamento, a pagare potrebbero essere i dipendenti più giovani, ricollocati tra le 360 filiali del gruppo, su scala nazionale.

In un quadro più ampio, il gruppo Creval procederà alla chiusura di 50 filiali su scala nazionale, in virtù di un risparmio dei costi e di un rafforzamento patrimoniale del gruppo bancario. A Catania e provincia a farne le spese, sarà la filiale di Adrano che transiterà i conti correnti dei propri clienti su quella di Paternò. A quella adranita, si aggiungeranno tre filiali di Catania città, quella di Cannizzaro Scogliera, di Santa Maria La Stella, di Tremestieri Etneo, di RipostoPiedimonte Etneo e una delle due presenti a Caltagirone. Per tutte queste filiali, l’ultima operazione di cassa sarà battuta alla chiusura del 25 maggio prossimo, con il ricollocamento dei dipendenti in altre sedi.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×