Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ospedale Vittorio Emanuele, individuati aggressori
Pugni e insulti ai medici durante un codice rosso

I fatti risalgono al 15 marzo scorso, quando due uomini hanno picchiato i camici bianchi in servizio al Pronto soccorso del nosocomio di via Plebiscito. Ai domiciliari è finito Cristoforo Fuselli, mentre il fratello dovrà presentarsi alla polizia giudiziaria. Sono accusati di violenza, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. Guarda il video

Redazione

Foto di: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Catania

Foto di: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Catania

Un codice rosso e la sala visite che si trasforma in un ring con i medici che vengono presi a pugni e insultati. Il palcoscenico è ancora una volta l'ospedale Vittorio Emanuele di via Plebiscito ma gli aggressori sono stati individuati dai carabinieri di piazza Dante. I fatti risalgono al 15 marzo scorso quando, alle 14 circa, alcuni camici bianchi erano stati chiamati d'urgenza al Pronto soccorso. Il paziente, arrivato privo di sensi sopra una sedia a rotelle spinta dai parenti, probabilmente era stato vittima di un'incidente stradale. Stando alla ricostruzione delle forze dell'ordine la situazione sarebbe degenerata in pochi minuti con i familiari che hanno invaso la sala visite.

Quando i medici hanno chiesto di sgomberare la stanza uno degli indagati, spalleggiato dal fratello, avrebbe iniziato a insultare una dottoressa, cercando pure di colpirla in faccia. È andata peggio a un collega, intervenuto per placare gli animi. Il professionista rincorso dagli aggressori ha cercato riparo in una stanza dell'unità operativa ma è stato raggiunto, bloccato e pestato. Dopo la denuncia delle vittime i carabinieri hanno ricostruito la vicenda, individuando gli aggressori grazie ad alcuni testimoni e alle riprese delle telecamere di sorveglianza.

Ai domiciliari è finito Cristoforo Fuselli, classe 1979, mentre il fratello, classe 1984, è stato sottoposto all'obbligo di presentarsi alla polizia giudiziaria. I due devono rispondere violenza, resistenza a pubblico ufficiale nonché lesioni personali.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×