Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Etna, l'ombra della parentopoli su nuove guide
Presunte irregolarità nelle prove, c'è l'esposto

Coordinate geografiche falsate e partecipanti costretti a vagare nel bosco. Queste alcune delle criticità messe nero su bianco dopo l'esame d'accesso al corso d'abilitazione per guide vulcanologiche. Test superato da 19 persone, in gran parte legate al direttivo dell'ente organizzatore, il Collegio regionale delle guide 

Francesco Vasta

Dai sospetti si è passati alla ricostruzione di un quadro di numerose presunte irregolarità che avrebbero viziato l'esito finale della prova fisica della scorsa settimana. Si basa su questo l'esposto finito sul tavolo della Procura di Catania riguardo le selezioni per l'accesso all'ultimo corso d'abilitazione per nuove guide vulcanologiche. Lo ha gestito per la seconda volta nell'arco di due anni, dopo l'ok della Regione, l'ente individuato per legge, cioè il Collegio siciliano delle guide presieduto da Biagio Ragonese. Questo è il soggetto che forma e abilita le uniche figure professionali autorizzate a condurre turisti fino ai crateri dell'Etna e dello Stromboli

Le modalità di organizzazione del test di resistenza fisica in montagna - prima fase delle selezioni cui seguono i quiz che già in passato avevano fatto discutere - avrebbero alterato l'esito della prova, conclusasi con soli 19 ammessi su circa una novantina di partecipanti. Scorrendo l'elenco, sembra proprio che sull'Etna regga ancora la vecchia consuetudine del mestiere di guida che si tramanda di generazione in generazione. Una decina di nomi degli ammessi rispondono a figli o parenti di componenti del Consiglio direttivo del Collegio, occupatosi direttamente delle procedure d'esame, o di altre guide alpine e vulcanologiche già abilitate. Per chi ha firmato l'esposto ci sarebbero gli estremi di una parentopoli sul vulcano diretta conseguenza di una prova - a tutti gli effetti un concorso pubblico costato 250 euro a ciascuno delle 104 persone iscritte - che non si sarebbe svolta in maniera trasparente. 

Il teatro del concorso era la pineta Ragabo sul versante nord dell'Etna, in territorio di Linguaglossa. Il percorso, come da regolamento, è stato svelato ai partecipanti poco prima dell'inizio della prova. Per la prima fase era previsto un test d'orientamento nel bosco cui seguivano prove di regolarità in salita e in discesa. Muniti di mappa e bussola e a cellulari requisiti, le aspiranti guide avrebbero dovuto passare da tre checkpoint, le cosiddette lanterne, da trovare entro due ore e mezza orientandosi solo in base alle coordinate geografiche. La conta del tempo non sarebbe però partita dal punto previsto dal bando, mentre i checkpoint che i partecipanti avrebbero dovuto rintracciare non si trovavano nella zona individuabile tramite coordinate. Risultato: non due ore e mezza, ma molto meno tempo a disposizione per trovare la strada attraverso la pineta, peraltro poi con coordinate «falsate». 

«La lanterna umana era praticamente nascosta nel bosco, a vari metri di distanza da dove avrebbe dovuto essere», raccontano  alcuni testimoni a MeridioNews. Così, c'è chi si sarebbe ritrovato a vagare per la pineta Ragabo, perdendo preziosi minuti. Eppure, secondo le carte al vaglio delle autorità, il cronometro che alla fine ha composto la classifica dei 19 ammessi ha fissato tempi molto rapidi per chi è riuscito a individuare i checkpoint, al contrario della maggioranza degli altri partecipanti, in gran parte comunque non neofiti, ma professionisti dotati di adeguata preparazione atletica. «Sembra quasi che qualcuno potesse andare a colpo sicuro, mentre altri restavano bloccati nel bosco», evidenziano i racconti di alcuni partecipanti. A complicare le cose, ci si è messo anche il maltempo. Sull'area etnea, quel giorno, pendeva un'allerta arancione della Protezione civile regionale. Chi ha iniziato l'esame più tardi, racconta di essersi ritrovato a correre nella nebbia e con temperature in rapido calo. Per qualcuno si è reso necessario un intervento medico, mentre altri si sarebbero persi nel bosco, ritrovati solo nel tardo pomeriggio. 

Nel mirino degli esclusi, così, c'è il ruolo che avrebbe giocato il Collegio. Al percorso delle prove e alle mappe ha lavorato una commissione con guide alpine non appartenenti al Collegio regionale, ma coadiuvate, sempre secondo le prove raccolte dai denuncianti, dai vertici dell'ente isolano. Anche per questo l'ombra della parentopoli viene evocata. Per i partecipanti, dunque, non sarebbero state garantite pari condizioni di partenza. L'attenzione sulla professione di guida vulcanologica è molto alta: a causa di un lungo blocco dei corsi di formazione, il numero di professionisti attivo sui vulcani siciliani si era molto ridotto proprio nel periodo di aumento della domanda di turismo escursionistico. Dal 2016 ad oggi, così, sono state oltre duecento le aspiranti guide che si sono presentate alle due selezioni svoltesi. Abbiamo provato, senza successo, a contattare il presidente del Collegio Biagio Ragonese per una replica.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×