Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Spaccio di droga e furti, blitz a Grammichele
Presi vertici e gregari del gruppo malavitoso

Un centinaio di carabinieri stanno portando a termine un'operazione coordinata dalla procura locale guidata da Giuseppe Verzera. Il gruppo finito nel mirino degli investigatori avrebbe gestito un volume d'affari ingente grazie alla vendita al dettaglio di cocaina e marijuana. Nomi e foto.  Guarda il video

Oltre cento carabinieri del comando provinciale di Catania, con il supporto di unità specializzate, stanno eseguendo in provincia di Catania e in altre località italiane un provvedimento restrittivo emesso dal giudice per le indagini preliminari di Caltagirone, su richiesta della procura locale. Nel mirino 16 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di concorso in detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e di una serie di furti aggravati ai danni di attività commerciali e abitazioni

Le indagini, partite dopo una forte recrudescenza di fenomeni delittuosi nel territorio di Caltagirone, hanno consentito di ricostruire l'organigramma di un sodalizio malavitoso e di individuarne i capi e gregari. Gli investigatori hanno documentato l'ingente volume di affari illegali e il sistema di gestione dell'attività di spaccio di cocaina e marijuana

Andrea Armeli Moccia, classe 1987

Emanuel Di Stefano, classe 1995

Nicolò Felice, classe 1997

Gaetano Gullè, classe 1994

Giuseppe La Rocca, classe 1990

Tonino La Rocca, classe 1992

Massimo Manenti, classe 1975

Giuseppe Manusia, classe 1978

Salvatore Meli, classe 1990

Annalisa Messina, classe 1986

Carmelo Messina, classe 1995

Gesualdo Montemagno, classe 1984

Giovanni Franco Persico, classe 1968

Raffaele Renna, classe 1984

Salvatore Ventura, classe 1997

Sebastiano Ivan Zuccarrello, classe 1991

Da quanto risulta a MeridioNews, l'indagine dei carabinieri è scattata nel settembre 2015, in una fase in cui il numero di delitti violenti commessi nel Comune di Grammichele era aumentato vertiginosamente, e con esso la preoccupazione dei cittadini: spaccio di droga, ma anche  furti con spaccata e rapine. I militari hanno concentrato il loro focus su un gruppo di giovanissimi, a quanto pare «figli d'arte» cresciuti in ambienti familiari borderline quando non criminali. 

Si inquadrano in questa cornice i cinque fermi, per porto e detenzione illegale di armi, furto aggravato e ricettazione avvenuti il 12 maggio 2016: quel giorno finirono in carcere Gaetano Gullè, di 22 anni, Andrea Armeli Moccia, di 29, Nicolò Felice, 19enne, e Carmelo Buonanotte, di 34 anni. J. M, 17enne, finì invece in un centro di accoglienza catanese. Il quintetto stava preparando un omicidio: avevano già rubato la moto che avrebbero usato per effettuarlo, erano in attesa dell'arma che avrebbe sparato, a quanto pare un mitra. Ma i carabinieri arrivarono prima. 

Chi era il destinatario di quelle pallottole? Non è ancora chiaro, ma l'ipotesi è che l'omicidio fosse da leggere nell'ottica di una aspirazione egemonica nell'ambiente criminale, in particolare in quello degli stupefacenti. Oggi, in conferenza stampa, magistrati e forze dell'ordine di Caltagirone hanno spiegato inoltre che i 16 indagati, residenti - oltre che nel Comune calatino - anche a Grammichele, Vizzini e Milano, si sarebbero resi responsabili di alcuni episodi da «leggere insieme» al tentato omicidio del 2016. Al di là di un buon numero di verifiche che riguardano le attività di spaccio di droga, gli arrestati - in alcuni frangenti a piccoli gruppi - sarebbero gli autori di una rapina a un anziano nell'agro di Licodia Eubea, di un furto di materiale edile in una abitazione a Grammichele e di una seconda rapina (pluriaggravata) a una coppia di coniugi grammichelesi. 

I sei uomini che vanno in carcere sono Emanuel Di Stefano, Gaetano Gullè, Giuseppe La Rocca, Giuseppe Manusia, Gesualdo Montemagno e Salvatore Ventura. Arresti domiciliari, invece, per Andrea Armeli Moccia, Nicolò Felice, Tonino La Rocca, Massimo Manenti, Salvatore Meli, Annalisa Messina, Carmelo Messina, Giovanni Franco Persico, Raffaele Renna e Sebastiano Ivan Zuccarello. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×