Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Latitante degli Scalisi di Adrano catturato in Germania
Sfuggito a blitz del 2017 sarebbe tra i vertici del clan

Le manette sono scattate ai polsi di Nicola Amoroso, 37 anni, coinvolto nell'operazione Illegal duty. L'uomo si trovava nella città di Biebesheim, nei pressi di Francoforte. Insieme a Pietro Maccarrone e Alfredo Mannino si sarebbe occupato degli affari nel territorio etneo, compresi quelli al mercato ortofrutticolo

Salvatore Caruso

Dopo dieci mesi di latitanza è stato catturato Nicola Amoroso, 37 anni, detto Cola tri piedi, considerato dagli investigatori uno dei pezzi grossi del clan Scalisi, attivo nel territorio di Adrano e legato a clan Laudani. Amoroso, sfuggito al blitz Illegal duty del 2017, è stato arrestato nella città di Biebesheim, nei pressi di Francoforte, Germania. All'arresto si è giunti grazie al supporto di Europol e a un'indagine congiunta della procura di Catania con la collaborazione della polizia tedesca e di quella dei commissariati di Catania e Adrano. 

Amoroso era destinatario di un mandato di arresto europeo per reati in materia di armi, associazione mafiosa, spaccio e traffico di sostanze stupefacenti, estorsione, rapina e ricettazione. Ma chi è Nicola Amoroso? Per gli inquirenti è uno dei soggetti che insieme a Pietro Maccarrone e Alfredo Mannino, avrebbe avuto il controllo delle attività illecite del clan Scalisi. Nell'operazione Illegal duty sono state 39 presunti esponenti malavitosi, attivi anche nel controllo del mercato ortofrutticolo locale con i titolari dei box costretti a pagare sia una somma mensile che a versare una sorta di obolo per entrare, scaricare e acquistare la merce. 

Le indagini riguardano il periodo che va da novembre 2014 a giugno 2016. Un periodo in cui il capo del clan sarebbe stato, nonostante la detenzione, Giuseppe Scarvaglieri. Dal carcere avrebbe comunicato con Alfredo Mannino. Non attraverso pizzini ma con vere e proprie lettere che sarebbero servite per impartire ordini e disposizioni. Soprattutto sul racket delle estorsioni, principale attività della cosca. Un giro d'affari che non è stato possibile quantificare ma che avrebbe portato ad una pax mafiosa tra cosche rivali. Da un lato gli Scalisi e dall'altro i Santangelo-Taccuni, vicini alla famiglia Santapaola-Ercolano. Oltre alle 22, tra estorsioni e tentate estorsioni, a essere contestate ci sono anche violente rapine.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×