Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Giro d'Italia, presunti danni ai marmi del teatro romano
Replica: «Struttura perfetta, pezzi già in quel punto»

Un cittadino lamenta uno scheggiamento della roccia antica durante la tappa con partenza dal capoluogo etneo. «Moralismo del tutto inutile», replica a MeridioNews la direttrice del polo regionale di Catania per i siti culturali Maria Costanza Lentini

Giorgia Lodato

Presunti danni ai marmi del teatro romano di Catania durante il Giro d'Italia. A documentarli e denunciarli, attraverso le pagine di MeridioNews, è un cittadino. La struttura martedì scorso è stata il palcoscenico della presentazione della prima frazione in Italia della corsa rosa. All'interno i corridori si sono alternati nel cosiddetto foglio firma, passaggio fondamentale a cui sono chiamati i ciclisti per registrare la loro presenza così da potere prendere parte alla gara. «L’evento non era sicuramente adeguato a essere ospitato in un teatro del genere – sostiene il lettore a MeridioNews - ma soprattutto le persone si sono messe a ballare e saltare sui marmi, scheggiandoli e provocando danni a una delle parti più antiche e originali della struttura».

L’organizzazione ha previsto l’arrivo del pubblico da un ingresso secondario e la sistemazione dello stesso sugli spalti, mentre i corridori utilizzavano l’ingresso principale di via Vittorio Emanuele per presentarsi prima della partenza. «È stata sbagliata dall’inizio tutta l’organizzazione - continua il testimone, che sostiene di avere assistito a diverse scene di caos durante la manifestazione -. Siamo convinti che adesso non succederà niente, perché è del tutto evidente che non c’è nessuna presa d’atto formale dell’avvenuto danno ai marmi e al teatro, sicuramente non sono stati fatti sopralluoghi e nessuno si sta interessando del problema».

«Quei pezzi di marmo sono sempre stati là – replica a MeridioNews  Maria Costanza Lentini, direttrice del polo regionale di Catania per i siti culturali che si occupa dello stato del teatro -. Mi sembra assurdo ed eccessivo che ci sia bisogno, per forza, di trovare delle inadempienze. Abbiamo un teatro perfetto e abbiamo lasciato volutamente solo il bordo di marmo dov’era posizionata l’orchestra in luce, senza nasconderlo sotto un palco lungo».

Secondo la direttrice si sarebbe contata la presenza di mille persone nell’orario di maggiore afflusso, in un teatro abilitato ad accoglierne 1240, e sarebbero stati presenti più di 40 addetti alla sorveglianza, che non sono intervenuti al momento dei balli perché «il Giro d’Italia è uno spettacolo leggero e sportivo e non è la prima volta che qualcuno balla o canta all’interno». «Ritengo adeguato che il Giro d’Italia sia passato da un monumento archeologico - conclude -. D'altronde è partito da Gerusalemme, a Catania è terminato alle terme di Caracalla. È la prima volta che questa competizione sportiva sceglie un sito archeologico, che ci ha aiutato a valorizzare un momento storico molto importante della nostra città». 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×