Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, senza stipendio operatrici coop Azione sociale
Il sindaco: «Somme già disponibili, problema tecnico»

Un ritardo della cooperativa nella presentazione delle fatture e la sostituzione del sistema di gestione comunale hanno lasciato le operatrici igienico sanitarie senza paga per otto mesi. Oggi l'incontro con il sindaco Nino Naso. Frattanto è stato proclamato lo stato di agitazione

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Da otto mesi non ricevono lo  stipendio le 22 operatici della cooperativa Azione sociale, che si occupano dell’assistenza igienico personale dei 60 bambini portatori di handicap che frequentano le scuole di Paternò. Le lavoratrici sono adesso in stato di agitazione, proclamato dalla Uil. Le ragioni del ritardo nei pagamenti sarebbero diverse: in primo luogo, un mese e mezzo fa il Comune ha proceduto alla sostituzione del suo sistema operativo e gestionale: una procedura che comporta anche una adeguata formazione del personale, e che starebbe bloccando la liquidazione delle somme. Prima ancora, però, avrebbe influito un altro fattore, un ritardo «nell'emissione delle fatture da parte della cooperativa», come evidenzia l'ufficio Servizi sociali. Le fatture sarebbero poi state emesse nel periodo in cui stava avvenendo il cambio di sistema. 

Nella tarda mattinata di oggi una delegazione delle operatrici si è recata al secondo piano del palazzo comunale, dove hanno sede gli uffici ai Servizi sociali, proprio per incontrare il sindaco Nino Naso, l’assessora Nancy Leotta e la responsabile dell’unità operativa Cettina Conti. I tre hanno parlato con le operatrici, rassicurandole: il Comune si sarebbe attivato già da tempo per velocizzare l’iter formativo e operativo. «Abbiamo le somme a disposizione (circa 70mila euro) per liquidare le fatture alla cooperativa Azione sociale - ha affermato il primo cittadino - non dipende da noi, ma ho sollecitato i responsabili del gestionale a fare in fretta. Lunedì - aggiunge Naso - avrò modo di avere informazioni più dettagliate». 

Masticano amaro le operatrici, che però avrebbero deciso di attendere lunedì prima di inscenare ulteriori forme di protesta. «Lavoriamo solo 13 ore a settimana – dicono - e poi non prendiamo stipendi da mesi. L'anno prima le ore erano 18. Ad alcune di noi, esattamente 13 operatrici -  concludono - deve ancora essere liquidata una mensilità e il Tfr dalla precedente cooperativa che gestiva il servizio». Frattanto, il sindacalista Roberto Prestigiacomo della Uil ha chiesto un incontro con il sindaco Naso e ai dirigenti del settore Servizi sociali. «A me risulta che il ritardo della coop nel presentare le fatture non corrisponda al vero. Sarebbe opportuno - dichiara - che il sindaco forzi, per cosi dire, il sistema per permettere il pagamento delle fatture emesse dalla cooperativa. La problematica - va avanti Prestigiacomo - non riguarda solo questa cooperativa, ma anche altri fornitori». 

E ancora in materia assistenziale, sindaco, assessore e dirigente ai servizi sociali hanno dovuto fronteggiare un'altra problematica legata alla chiusura, inattesa, della mensa sociale La bisaccia del pellegrino, gestita dalla Caritas, dove ogni sera, da lunedì a sabato, vengono serviti circa 60 pasti caldi a cittadini italiani e stranieri. La struttura è chiusa da tre giorni e un avviso (scritto anche in lingua araba) affisso sulla porta specifica che «il servizio mensa è sospeso fino a data da destinarsi». Una situazione che ha suscitato apprensione non solo tra coloro che ne usufruiscono, ma anche tra le stesse associazioni di volontariato e singoli cittadini che ogni sera vanno alla mensa per prestare la propria opera. «Si è trattato di una chiusura momentanea – assicura l’assessore ai servizi sociali Nancy Leotta - lunedì riaprirà regolarmente i battenti. Alla base della sospensione del servizio ci sono questioni organizzative interne alla mensa».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×