Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Gecko Dry, cinque catanesi a Sanremo Rock
«Ognuno di noi è un personaggio dei fumetti»

È sul palco del più importante festival della musica italiana che la band etnea ha presentato due dei suoi brani inediti. Per poco non sono rientrati tra i sedici finalisti ma resta la speranza per quattro premi speciali. «O il top, o niente», dicono a MeridioNews

Giorgia Lodato

Hanno aspettato il risultato al Rolling Stone Cafè, dove alcune band si esibiscono per il pubblico. Per poco non sono rientrati tra i sedici finalisti della trentunesima edizione di Sanremo Rock & Trend Festival, anche se l’ultima parola non è ancora detta. Per i cinque Gecko Dry catanesi, che hanno sfidato 1400 gruppi in tutta Italia e 140 in finale, resta la speranza dei quattro premi speciali, che verranno assegnati stasera dalla giuria. 

Vengono da Mascalucia, Trecastagni e Misterbianco, età media 40 anni. Da circa dieci suonano insieme quella che definiscono «musica autoctona». Professionisti di vari settori - due vigili del fuoco, un ingegnere, un informatico e un oculista - accomunati dalla passione per la musica, specialmente rock. «Possiamo tollerare qualche interferenza pop nelle canzoni più dolci, ma siamo schierati con il rock classico e cerchiamo di valorizzare quello che, per certi versi si è perso: il concetto di rock autentico, che ha un tipo di sound che si avvicina a quello pre Vasco Rossi, Ligabue e Litfiba,»per citarne alcuni, spiegano i musicisti, che ripensano anche alla loro interpretazione sanremese. 

«Siamo stati abbastanza sciolti e, nonostante il risultato, la giuria ha risposto in modo positivo alla nostra esibizione, con interesse e voglia di approfondire alcuni dettagli su uno dei brani inediti che abbiamo presentato». Ne hanno portati due sul palco dell’Ariston. Le tue mani, che racconta una storia d’amore dal punto di vista maschile, e Il pirata in gabbia, che richiama il tema del carcere, della separazione, del non poter avere la libertà anche a causa di un errore stupido. «C’è anche una donna di mezzo - chiariscono - perché quando sei in galera il sentimento è ancora più forte. Crediamo di aver valorizzato così uno dei nostri pezzi più importanti, che volevamo presentare in un concorso importante». 

I membri della band, infatti, hanno scelto il palco di Sanremo per lanciare il loro nuovo brano. «Abbiamo detto “O il top, o niente” e abbiamo rifiutato partecipazioni ad altri eventi per puntare tutto sul più importante festival della musica italiana». Il gruppo, che originariamente si chiamava Il complesso di inferiorità, è poi diventato Gecko Dry in seguito alla macabra scoperta, in sala prove, di un geco mummificato appeso al mixer

Il Gecko hanno sulle spalle venti inediti, di cui sei registrati nell'ultimo album, e sono impegnati nel Reboot_Live Tour_18. «La nostra band è inserita in un’atmosfera da fumetto. Ognuno di noi ha un personaggio, una sorta di alter ego in cui si cala quando sale sul palco. E anche la grafica - aggiungono - ricorda esattamente i fumetti che sfogliavamo da ragazzi e che, ancora oggi, suscitano l’interesse di giovani, meno giovani e appassionati». Così Giuseppe Sciacca diventa Il capitano, Sergio Gurrieri Serghey, Paolo Santonocito Paul_Po, Alessandro Oliveri Conti Il conte e Salvatore Catania El chupa. «In questo modo, trasformiamo il vigile del fuoco o l’ingegnere in un musicista protagonista di una storia ricca di avventure entusiasmanti. Com'è stata, appunto, quella vissuta sul palco di Sanremo Rock».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×