Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, 86enne truffata da quattro donne
Le rubano l'oro raggirandola sulla pensione

L'anziana sarebbe stata abbordata all'uscita da casa e convinta a salire sull'auto delle presunte truffatrici. Monili, orologio e denaro le vengono poi sottratti con la scusa di una fantomatica visita medica necessaria per l'indennità d'accompagnamento

Salvatore Caruso

Si moltiplicano a Paternò i casi di uomini e donne che truffano anziani che vivono da soli, agendo a conoscenza delle abitudini della vittima di turno. L'ultimo caso si è verificato ieri, poco dopo le 10.30, in via Strano, assai frequentata sia da pedoni che da automezzi. Da quanto si apprende a raggirare una 86enne residente nel centro storico sarebbero stare quattro ragazze. Tutto sarebbe iniziato quando il gruppo avrebbe avvicinato la signora, uscita da casa per fare la spesa, a bordo di un'auto. Le quattro donne si sarebbero mostrate molto disponibili e gentili. Rivolgendosi all'anziana le avrebbero riferito che la sua richiesta di una pensione di accompagnamento, presentata dalla nipote, era stata accolta dall’Inps. Da qui la donna, rassicurata dalle quattro ragazze, si sarebbe convinta a salire in macchina, accomodandosi sul sedile passeggero anteriore. 

Da quel momento in poi la vittima è totalmente circuita dalle presunte truffatrici. La vittima viene indotta sottoporsi a una fantomatica visita medica, necessaria prima dell’autorizzazione finale al rilascio della pensione. A svolgere il compito è una delle donne, riuscendo a far togliere all’86enne gli orecchini, l’anello («impedisce la regolare circolazione del sangue», avrebbe detto la falsa dottoressa all'anziana), nonché un orologio usando argomentazioni mediche. Tutti monili in oro che vengono appoggiati sul cruscotto dell'auto con la promessa di riconsegnare il tutto non appena si sarebbe conclusa la visita medica. Anche la borsetta sarebbe stata sottratta all'attenzione della signora. Nel prosieguo del dialogo tra la vecchietta e le presunte truffatrici, quest’ultime riescono a distrarre la donna, prendendo dal cruscotto gli oggetti in ore e dalla borsetta il denaro, meno di 100 euro, contenuto nel portafogli. 

L'86enne, a questo punto, viene abbandonata in una stradina non distante dall’ospedale Santissimo Salvatore, consegnandole la spesa che aveva appena fatto e la borsetta, rassicurandola sul fatto, che dentro quest’ultima, si trovavano gli oggetti d’oro che qualche minuto prima si era tolta. La vittima, lasciata sul posto con la scusa che sarebbero ritornate a riprenderla, non vedendole tornare ha chiamato la nipote. Dopo il racconto dell'anziana, le due si sono recate dai carabinieri di Paternò per denunciare il fatto.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×