Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Fatture false per 14 milioni e bancarotta, due arresti
Ai domiciliari padre e figlio, imprenditori dei trasporti

Giuseppe e Vincenzo Rapisarda (rispettivamente classe 1956 e 1979) sono finiti ai domiciliari per un giro di presunte fatture false, e conseguente evasione dell'Iva, per diversi milioni di euro. Sono i dettagli dell'operazione Carbon tax della guardia di finanza di Catania

Redazione

Padre e figlio agli arresti domiciliari, e altre tre persone indagate con loro. Tutto per un'indagine che vuole fare luce su un giro di presunte fatture false - e conseguente evasione dell'Iva - di circa 14 milioni di euro. Sono i numeri dell'operazione Carbon tax della guardia di finanza di Catania, che ipotizza anche i reati di occultamento e distruzione delle scritture contabili nonché bancarotta fraudolenta aggravata. Protagonisti di questa storia, che ha portato anche al sequestro preventivo di disponibilità finanziarie per due milioni di euro, sono Giuseppe e Vincenzo Rapisarda (rispettivamente classe 1956 e 1979), rappresentante legale e amministratore di fatto della società R&R srl, attiva - assieme a un'altra impresa coinvolta nell'inchiesta, la T&C srl - nel settore del trasporto merci su strada.

L'indagine parte da cinque verifiche fiscali eseguite dal nucleo di polizia economico-finanziaria di Catania nei confronti di alcune imprese. Dai controlli sarebbe emerso che le ditte avevano percepito redditi non tassati per sei milioni di euro, non avevano pagato tasse per un milione di euro e non avevano pagato l'Iva per tre milioni di euro. In sintesi, sarebbero stati utilizzati documenti contabili falsi emessi da società fittizie costituite ad hoc e gestite direttamente da padre e figlio. I Rapisarda sarebbero stati al vertice di un gruppo societario che, in realtà, era un'unica azienda, creato per ottenere vantaggi illeciti.

Dalle intercettazioni telefoniche sarebbe emerso un sistema che prevedeva contratti di fornitura di servizio fasulli e di simulata locazione di beni mobili e immobili. Un esempio: fatture per attività di facchinaggio e trasporto bancali da un'azienda che non aveva mezzi o macchinari per farlo. I contratti di lavoro dei dipendenti, inoltre, sarebbero stati a carico delle aziende fantasma, che non avrebbero versato i relativi contributi previdenziali. In questo complesso di illeciti sarebbero coinvolti anche Carmelo Falco (classe 1968), rappresentante legale di tre imprese operanti nel settore del trasporto merci (la Effe transport, fallita nel 2016; la Mf service, messa in liquidazione e cessata nel 2013; la Mf service & logistic, messa in liquidazione e cessata nel 2014). Tramite queste aziende sarebbero state emesse fatture per operazioni inesistenti che avrebbero permesso, alla R&R srl, di evadere imposte dal 2013 al 2015 per un milione e 60omila euro.

Falco, trasportatore e dipendente dei Rapisarda dal 2004, sarebbe stato un prestanome. Pagato per il suo compito circa mille euro al mese. Parlando al telefono con la moglie, quest'ultimo si sarebbe lamentato di non avere chiesto più soldi per svolgere questo servizio. Lui, assieme a Giuseppe e Vincenzo Rapisarda, risulta indagato in concorso per la bancarotta fraudolenta della Effe transport, fallita nel 2016 con un passivo di un milione di euro. Dovranno presentarsi ogni giorno alla polizia giudiziaria anche Riccardo Motta (classe 1964), rappresentante della società cooperativa R&R trasporti, indagato con suo cognato Vincenzo Rapisarda per occultamento di scritture contabili; e Francesco Cocuzza (classe 1960), rappresentante legale della T&C srl, indagato anche lui con il più giovane dei Rapisarda poiché avrebbe nascosto le scritture fiscali dell'impresa relative all'anno di imposta 2015, per il quale sarebbe emersa l'emissione di un milione e 300mila euro di fatture false, che avrebbero fruttato alla R&R l'evasione di 300mila euro di tasse.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×