Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Via Coppola, cosa è successo ieri sera col pick-up
I colpi di pistola e la fuga per le vie di San Berillo

Il sabato sera della zona di piazza Teatro Massimo è stato piuttosto movimentato. A sparare i colpi d'arma da fuoco è stato un agente di polizia fuori dal servizio, che tentava di fermare un ubriaco alla guida del suo fuoristrada

Luisa Santangelo

Nessun tentativo di furto, solo un uomo - ubriaco e sotto effetto di sostanze stupefacenti - che si era messo alla guida del suo pick-up e aveva iniziato una serie di manovre talmente pericolose, in mezzo alla gente, da attirare l'attenzione di un dirigente di polizia fuori dal servizio. La ricostruzione certa di quanto avvenuto ieri sera tra via Coppola e via di Sangiuliano, nella zona di piazza Teatro Massimo, arriva questa mattina da fonti delle forze dell'ordine. E coincide, eccetto che per il tentato furto riferito dai cittadini, con la versione riportata nell'immediatezza dei fatti da MeridioNews.

Mancava poco alle 21 quando Marco Francesco Pulvirenti (classe 1984), in stato di alterazione psico-fisica, si sarebbe messo alla guida del proprio fuoristrada, parcheggiato nella celebre via dell'acchianata. L'uomo avrebbe iniziato da subito a manifestare difficoltà alla guida: alla prima sgommata sul basolato lavico, in un momento in cui la strada era piena delle persone che la affollavano di sabato sera, un poliziotto fuori servizio si è avvicinato per tentare di bloccarlo. Ne sarebbe venuto fuori un inseguimento piuttosto rocambolesco: l'agente di polizia prima si sarebbe arrampicato sul cassone, per raggiunge il posto del guidatore, poi sarebbe stato spinto fuori dal conducente ubriaco.

A quel punto l'esponente delle forze dell'ordine, finito per terra, si sarebbe rialzato e avrebbe esploso due colpi di pistola - con l'arma d'ordinanza - indirizzati alla ruota posteriore destra del grosso veicolo. Senza, però, riuscire a centrarla. Il dirigente di polizia avrebbe continuato a inseguire il mezzo a piedi, dopo avere comunicato con i colleghi della questura per chiedere un intervento di supporto. Nel frattempo, il pick-up si sarebbe allontanato a grande velocità imboccando, da via Coppola, prima via Martinez e poi le successive stradine del quartiere di San Berillo, in contromano. Trascinando con sé fioriere e tubi dell'acqua e distruggendo le fiancate dell'automobile.

L'inseguimento si sarebbe concluso nella zona di piazza dei Martiri, dove Pulvirenti è stato raggiunto e bloccato dalle volanti di rinforzo. Dopo il fermo e un controllo da parte del personale medico dell'ospedale, dove il cittadino è stato portato, è emerso che era sotto effetto di droghe e alcolici. A seguito di una perquisizione sul veicolo, inoltre, sono stati rivenuti sette coltelli con lame di diversa lunghezza e delle forbici da giardinaggio. Fatto che, unito ai precedenti di polizia dell'uomo per furto e rapina, gli è costato l'arresto e il trasferimento nel carcere di piazza Lanza. Le accuse sono di resistenza, lesioni a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato, porto di armi e oggetti atti ad offendere, guida sotto l’effetto di sostanze alcoliche e stupefacenti.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×