Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ballottaggio ad Adrano, nessun accordo pre-elettorale
I candidati Di Primo e D'Agate presentano gli assessori

Nicola Monteleone, il terzo arrivato, non sarà l'arbitro del voto. I due che aspirano alla carica di primo cittadino - Aldo Di Primo, 38,06 per cento al primo turno; Angelo D'Agate, 32,40 per cento - arriveranno a domenica sostenuti da chi c'era anche il 10 giugno

Salvatore Caruso

Nicola Monteleone, il candidato sindaco al Comune di Adrano giunto terzo nelle preferenze alle spalle di Aldo Di Primo e Angelo D’Agate, non farà da arbitro per il ballottaggio tra i due politici che si contendono la poltrona da primo cittadino. In sostanza, il prossimo 24 giugno i due candidati sindaci (Aldo Di Primo al primo turno ha 7029 voti pari al 38,06 per cento delle preferenze, mentre Angelo D’Agate ha raccolto 5983 pari al 32,40 per cento delle preferenze) si affideranno alle forze umane e politiche che li hanno sostenuti lo scorso 10 giugno. D’Altronde non c’era motivo logico per cui Di Primo e D’Agate cercassero un accordo con Monteleone, in quanto i seggi in Consiglio comunale sono già stati ridistribuiti (14 alle liste site che appoggiavano Di Primo, cinque a quelle di D’Agate e quattro alle liste di Monteleone), visto che la coalizione che sosteneva il candidato Di Primo ha agguantato oltre 60 per cento delle preferenze. 

«Non c’era alcun motivo per cercare apparentamenti - dice a MeridioNews D’Agate - Siamo in costante crescita e i risultati che abbiamo ottenuto al primo turno hanno sorpreso anche noi. Il voto disgiunto ha avuto una grande rilevanza. Al ballottaggio puntiamo ad incrementare il consenso». Con soli cinque consiglieri, però, nel caso di elezione D'Agate non avrebbe la maggioranza del senato cittadino. Fatto, questo, che non lo spaventa: «I consiglieri comunali saranno chiamati a esprimersi su delibere che riguardano il bene della città».

Sulla stessa lunghezza d’onda Fabio Mancuso, l’ex sindaco e deputato regionale che appoggia Di Primo. «I giochi sono fatti visto che in consiglio comunale tutto è già stato deciso. Non ci sono stati apparentamenti o accordi. Puntiamo a vincere». Tuttavia Fabio Mancuso non chiude ad una possibile interlocuzione sottotraccia con Nicola Monteleone: «Vediamo nei prossimi giorni» si limita a ribadire. I due candidati sindaci, intanto, hanno presentato gli assessori designati. Di Primo ha indicato Antonio Politi e Mario Costa che si vanno ad aggiungere a Stella Corsaro, Fabrizio Sidoti e Salvatore Monciino. Alla squadra di Angelo D’Agate, oltre ad Antonino Giuttari, Giuseppe Currao e Vincenzo Luciforia, si aggiungeranno Anna Rita Marcellino e Vincenza Zuccarà.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×