Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Wind Jet, 442 in cassa integrazione
Filt Cgil: «Una soluzione paracadute»

Novità per i dipendenti della compagnia aerea etnea. Invece della mobilità, annunciata a fine aprile, per i lavoratori con contratto a tempo indeterminato l’azienda chiederà 48 mesi di cassa integrazione. Destino incerto invece per i 62 a tempo determinato. In attesa che l’operazione di acquisizione da parte di Alitalia vada in porto (a luglio la decisione dell'Antitrust). Intanto è stata costituita la newco che verrà ceduta alla compagnia di bandiera. Ma non ci sarà posto per tutti

Agata Pasqualino

Si aprono nuovi scenari per i lavoratori della Wind Jet. Invece della mobilità per tutti i suoi 504 dipendenti, annunciata a fine aprile tramite una lettera firmata dall’amministratore delegato Stefano Rantuccio, l’azienda etnea chiederà la cassa integrazione per i 442 lavoratori con contratto a tempo indeterminato. «Una soluzione che dà certamente più garanzie rispetto alla mobilità e che serve da paracadute nell’attesa che il personale venga assorbito da Alitalia», dichiara Carmelo De Caudo segretario provinciale della Filt Cgil.

Una soluzione che però lascia esclusi i 62 dipendenti con contratto a tempo determinato. «Per loro la decisione sarà presa dall’azienda alla scadenza del contratto»,  dice De Caudo. Intanto continuano le azioni da parte della low cost etnea utili a concludere l’operazione di acquisizione firmata lo scorso aprile con il gruppo Cai Alitalia. È stata, infatti, già costituita la newco – la Wind Jet Spa – che verrà ceduta alla compagnia di bandiera e in cui confluiranno i lavoratori da assorbire. Non si sa ancora quanti saranno. A deciderlo sarà Alitalia. Ma è già certo che nella compagnia di bandiera non ci sarà posto per tutti e la Wind Jet ha ribadito la necessità di tagli. Come già annunciato, a rischiare di più è il personale di terra. «La notizia positiva è che chi non verrà assorbito da Alitalia godrà della cassa integrazione», afferma il sindacalista.

Per la cessione della compagnia aerea catanese di proprietà del patron del Catania Calcio Antonino Pulvirenti al gruppo Cai manca ancora l’autorizzazione dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato. Nelle mani dell’ente non solo tratte e tariffe – c’è il rischio che con la fusione Alitalia abbia il monopolio su alcune tratte e che ciò provochi un aumento dei prezzi per i viaggiatori – ma il destino dei lavoratori. Il verdetto è atteso per i primi di luglio. L’autorità antitrust si pronuncerà, infatti, in questi giorni sulla decisione di avviare o meno l’istruttoria relativa all’operazione e, in caso affermativo, decreterà dopo 45 giorni se e in quale misura autorizzarla. Intanto l’unica consolazione per i lavoratori è che invece della mobilità li aspettano 48 mesi di cassa integrazione. Un trattamento che, di questi tempi, a qualcuno appare già come un privilegio.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×