Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Wind Jet, si ritira la cordata siciliana
«Valutiamo se lanciare una nuova società»

Avevano annunciato di poter rilanciare la compagnia aerea in quindici giorni. Ieri il passo indietro definitivo da parte del gruppo di imprenditori e professionisti siciliani rappresentati da Roberto Corrao. «Gli aerei che avremmo dovuto prendere in leasing non sono più disponibili», spiegano. Ma non nascondono la possibilità di entrare nel mercato del trasporto aereo con una nuova iniziativa. «La low cost etnea ha lasciato un vuoto di mercato che va colmato»

Salvo Catalano

I sindacati non ci avevano creduto sin dal principio. «Una proposta fuori dal mondo», l’aveva definita Carmelo De Caudo, della Filt-Cgil. Ieri è arrivata anche l’ufficialità: la cordata di imprenditori siciliani che aveva annunciato l’intenzione di subentrare nella gestione di Wind Jet tramite l’affitto a stralcio di un ramo d’azienda, si è ritirata. «Non ci sono più le condizioni necessarie», ha spiegato Roberto Corrao, titolare di Aviomed, azienda che si occupa del trasporto aereo dei malati, e portavoce del gruppo di professionisti e imprenditori che aveva avanzato la proposta.

Il perché del passo indietro lo spiega il commercialista palermitano Salvo Tripoli, che aveva messo a punto il progetto: «I tre aerei che avremmo dovuto prendere in affitto dalla società di leasing e che si trovavano a Malta non sono più disponibili, perché sono rientrati in Irlanda, senza questa possibilità i tempi per subentrare si allungherebbero troppo». Il piano della cordata siciliana prevedeva infatti il rilancio della compagnia aerea catanese con una flotta ridotta, la possibilità di impiegare i 500 dipendenti a rotazione e un investimento di tre milioni di euro che avrebbe dovuto garantire l’operatività per il primo trimestre. «Potremmo riprendere la vendita di biglietti in 15 giorni», aveva annunciato Corrao nella conferenza stampa del 3 settembre. La proposta, però, non ha mai ricevuto risposta dal presidente di Wind Jet Antonino Pulvirenti, impegnato nelle altre trattative. In attesa dell’incontro al ministero dello Sviluppo economico, sembra farsi sempre più concreta, a detta dei sindacati, l’opzione di creare una newco mista, a capitale pubblico e privato, con l’intervento della Regione attraverso l’istituto di credito Irfis con una quota del cinque per cento.

Il gruppo imprenditoriale rappresentato da Tripoli, tuttavia, lascia aperta la possibilità di entrare nel mercato del trasporto aereo. «Ci incontreremo la prossima settimana – spiega Tripoli – per decidere se lanciare una nuova iniziativa. In questo momento Wind Jet ha lasciato un vuoto di mercato che sarebbe interessante in qualche modo colmare».

 

[Nella foto l'imprenditore Roberto Corrao alla conferenza stampa del 3 settembre]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×