Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Wind Jet-Alitalia, Finanza perquisisce uffici
Salvi: «Indagini in corso senza indagati»

La guardia di finanza è tornata a fare visita nella sede della low cost etnea e in quella della compagnia di bandiera alla ricerca di documenti utili all'indagine dei magistrati della procura di Catania. Un fascicolo aperto dopo la denuncia della società etnea di presunte scorrettezze nella fallita trattativa di acquisizione da parte di Alitalia, ma che indaga anche sui documenti contabili della compagnia di Antonino Pulvirenti

Redazione

La guardia di finanza ha bussato questa mattina alla porta degli uffici delle compagnie aeree Wind Jet e Alitalia alla ricerca di documenti. La perquisizione, che segue il sequestro del 29 agosto di fascicoli della low cost etnea, è solo l'ultimo atto delle indagini sulla controversa trattativa di acquisizione di Wind Jet da parte della compagnia di bandiera. Operazione conclusa con esito negativo e che ha tenuto per mesi con il fiato sospeso – e soprattutto a terra – lavoratori e passeggeri.

Una trattativa che dalla scorsa estate si trova anche sulla scrivania dei magistrati della procura di Catania: dopo la denuncia di Windjet nei confronti di Alitalia per come sono state condotte le trattative di acquisto della low cost etnea e per la possibile presenza di reati nella gestione della documentazione contabile della compagnia del patron del Catania Calcio Antonino Pulvirenti. Prima dell'estate, i rapporti tra le due aziende sembravano sereni: Alitalia avrebbe acquistato Wind Jet con la sola preoccupazione di un nuovo monopolio per la compagnia di bandiera sulle tratte da e per la Sicilia.

Dopo le condizioni imposte dall’Antitrust per la cessione, però, l'acquirente si era tirato indietro con la sorpresa di tutti. Per poi rientrare in trattativa chiedendo al presidente Pulvirenti delle garanzie: prima immobiliari, poi sul valore degli aeromobili, e infine la trasformazione delle garanzie immobiliari in garanzie bancarie entro tre mesi dall’accordo. «Clausole vessatorie», aveva risposto Pulvirenti. E l'accordo era saltato. «Le indagini sono in fase di accertamenti preliminari – scrive adesso il procuratore capo di Catania Giovanni Salvi nella nota - finalizzati alla individuazione di responsabilità personali».

Ma il reggente dell'ufficio etneo smentisce le notizie riportate dal quotidiano Sud Press secondo cui Andrea Ragnetti, amministratore delegato di Alitalia, sarebbe stato iscritto nel registro degli indagati per estorsione nei confronti della compagnia siciliana. «Per i fatti denunciati in danno di Windjet – precisa Salvi - non sono state effettuate, allo stato, iscrizioni sul registro degli indagati nei confronti di noti». L'attività di indagine della procura continua comunque su diversi fronti. Anche, non esclude il procuratore, «di carattere civilistico».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×