Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Wind Jet, danni da Alitalia per 162 milioni
Hostess: «Aspettiamo da mesi i pagamenti»

La compagnia aerea siciliana ha annunciato l'avvio di un procedimento civile per chiedere un risarcimento milionario ad Alitalia Cai. La compagnia di bandiera, fa sapere la low cost etnea, durante la trattativa di acquisizione poi sfumata avrebbe tenuto un comportamento scorretto volto al fallimento della compagnia del patron del Catania Calcio. Una causa civile che si aggiunge alle indagini già avviate dalla Procura

Desirée Miranda

Wind Jet chiede ad Alitalia un risarcimento danni di 162 milioni di euro e mezzo. Nuovo atto nella vicenda tra la compagnia di bandiera italiana e quella siciliana che fa sapere di avere «avviato, nelle sedi giudiziarie competenti, parte delle azioni volte ad accertare i profili di responsabilità civile di Alitalia-Cai». Alla denuncia penale della Wind Jet di presunte scorrettezze nella fallita trattativa di acquisizione da parte di Alitalia, che ha portato a perquisizioni da parte della Guardia di finanza sia negli uffici della compagnia etnea che di quella nazionale, quindi, se ne aggiunge un’altra, questa volta civile. L'atto di citazione con cui è stato chiesto un risarcimento danni di oltre 160 milioni di euro, è stato depositato otto giorni fa al Tribunale di Catania.

Continua quindi a complicarsi la vicenda che questa estate ha lasciato a terra migliaia di passeggeri. Al centro della denuncia il presunto comportamento scorretto da parte di Alitalia volto al fallimento di Wind Jet. Per mesi la compagnia di bandiera ha orientato le scelte aziendali, tratte e tariffe comprese, in vista di una acquisizione data per certa. Dopo le condizioni imposte dall’Antitrust per la cessione, però, l’acquirente si era tirato indietro per poi rientrare in trattativa chiedendo al presidente Antonino Pulvirenti delle garanzie: prima immobiliari, poi sul valore degli aeromobili, e infine la trasformazione delle garanzie immobiliari in garanzie bancarie entro tre mesi dall’accordo. «Clausole vessatorie», le aveva definite il patron del Catania Calcio. Dopo giorni di trattative in cui è intervenuto anche il ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera, tutto è naufragato. Alla fine la trattativa è fallita così come la compagnia siciliana.

La conseguenza è stato un gran caos. I passeggeri sono rimasti a terra, hanno dovuto pagare dei supplementi per la riprogrammazione dei propri voli Wind Jet con altre compagnie e migliaia sono le richieste di rimborso avviate. Ma a pagarne le spese più degli altri sono i lavoratori. Liquidati da un giorno all’altro, hanno cercato di farsi sentire. Hanno bloccato le strade e invaso l’aeroporto, ma adesso sono tutti a casa. Anche loro in attesa di capirne di più sul loro futuro e su quello della compagnia. «Abbiamo la cassa integrazione, ma non il fondo integrativo che ci permette di arrivare all'80 per cento dello stipendio» afferma una ex hostess di Wind Jet che lamenta anche una certa assenza dei sindacati negli ultimi due mesi. Non tutti gli stipendi, inoltre, sono stati pagati. «Aspettiamo ancora luglio e metà agosto, i mesi che di solito sono più retribuiti perché il traffico in estate è maggiore» spiega ancora l'ex dipendente.

Sulla possibilità di una class action per richiedere gli arretrati, a quanto pare a frenare i lavoratori è la speranza di tornare al lavoro con una nuova compagnia che dovrebbe nascere dalle ceneri di Wind Jet. «Molti hanno paura che una causa possa precludere la possibilità di essere assorbiti», conclude.

[Foto di C.Strife]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×