Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Processo ladri di arance, nuovo esame dell'unico sopravvissuto
Il pm chiede un monitor in aula per mostrare scena del crimine

A distanza di quasi due anni, il testimone chiave Gregorio Signorelli è stato ascoltato di nuovo in aula, in seguito a quanto emerso dalle intercettazioni. Durante la prossima udienza ci sarà la requisitoria del pubblico ministero

Marta Silvestre

A quasi due anni di distanza, è stato ascoltato di nuovo e a lungo il testimone chiave del processo per il duplice omicidio e il tentato omicidio dei ladri di arance alla Piana di Catania. Gregorio Signorelli è l'unico a essere sopravvissuto la notte tra il 9 e il 10 febbraio del 2020 in contrada Xirumi quando a perdere la vita erano stati Massimo Casella e il figlio 18enne della sua compagna, Agatino Saraniti. Accusati di averli uccisi a colpi di arma da fuoco sono il custode del fondo agricolo Giuseppe Sallemi e il pensionato Luciano Giammellaro. Nell'aula della corte d'Assise del tribunale di Siracusa, l'incidente probatorio era già stato fatto a luglio del 2020 ma, alla luce di quanto emerso dalle intercettazioni, è stato necessario un nuovo esame di Signorelli. 

«In sostanza - ricostruisce a MeridioNews l'avvocata Paola Lopresti che lo assiste - ha confermato quanto aveva già dichiarato rispondendo a tutte le domande che gli sono state poste. In particolare, la difesa ha battuto sul fatto che quella mattina il mio assistito era già stato in quella zona. Ma i fatti non sono collegabili perché non era andato in quello stesso terreno e non era nemmeno insieme alle due vittime. Inoltre, fin da subito - continua la legale - Signorelli ha chiarito che quelli erano posti che frequentava per andare a raccogliere le arance». 

Intanto, sono stati acquisiti i tabulati telefonici del testimone e anche della moglie, che è stata la persona a cui il sopravvissuto ha telefonato per chiedere aiuto quella sera. Rifiutate invece entrambe le richieste che erano arrivate dai legali della difesa: ovvero di risentire il fratello di Casella, Mario - che è già stato ascoltato in aula a giugno del 2021 - e di fare una nuova perizia per dimostrare che l'anziano Giammellaro non avrebbe potuto rincorrere il giovane Sariniti per ucciderlo. «Io non cammino, non ci sento bene e non mi sento bene», erano state le uniche parole pronunciate dal pensionato che aveva deciso di non sottoporsi all'esame, al contrario dell'altro imputato. 

Durante la prossima udienza, che è già stata fissata per il 4 maggio, ci sarà la requisitoria del pubblico ministero Andrea Palmieri che ha chiesto che in aula ci sia anche un monitor per poter mostrare la vasta scena del crimine. Immagini che potranno essere utili a ricostruire tragitti, distanze, tempistiche e movimenti da collegare con la ricostruzione di quanto avvenuto quella sera tra le campagne a cavallo tra la provincia etnea e quella aretusea. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×