Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Scuola, il registro elettronico nato sull'Etna
«I genitori avranno i figli a portata di app»

Da quest'anno, per tutte le scuole pubbliche, esiste l'obbligo di dismettere il vecchio registro cartaceo per passare alla versione digitale. Almeno in teoria: «Non esistendo sanzioni, non tutti gli istituti lo hanno adottato», spiega Dario Zappalà, trentenne tra i creatori del gestionale Omnia, che sfida i colossi del settore. Già scelto da una trentina di scuole nel Catanese e in prova in circa 800 istituti taliani, i tre giovani ingegneri informatici hanno ben chiaro anche il futuro. «Mamme e papà gestiranno assenze e rendimento tramite smartphone». E i primi test sembrano confermare questa esigenza

Leandro Perrotta

Il ministero della Pubblica istruzione lo ha già stabilito: gli obsoleti registri cartacei non verranno più utilizzati nelle scuole pubbliche. Ma la grande rivoluzione della «dematerializzazione delle attività delle segreterie scolastiche», è ancora in fase sperimentale: pur esistendo l'obbligatorietà, «non avendo attivato sanzioni per chi non lo applica, di fatto è una scelta delle scuole». A spiegarlo è Dario Zappalà, trentenne ingegnere informatico, creatore insieme ai soci coetanei Claudio Sichili e Daniel Indelicato di una startup che si chiama Darwin Technolgies. Ha sede alle pendici dell'Etna, a San Giovanni La Punta, ed è stata fondata a febbraio. A luglio hanno creato il registro elettronico Omnia, portando a casa un grande risultato: inserirsi con successo in un settore, quello dei gestionali, dominato da poche aziende, veri colossi del settore. «Fino a due anni fa c'era il predominio nei software scolastici delle società Argo Software e Axios. Noi siamo riusciti ad accreditarci ed entrare nell'elenco fornitori ufficiali del Miur», spiega Dario, che racconta anche delle difficoltà burocratiche. «In teoria, tutto si fa tramite un modulo online da compilare, al quale dovrebbero seguire in automatico i controlli. In realtà ho dovuto fare più di un viaggio a Roma per vedere a che punto era la pratica. Ma ci siamo riusciti», dice con soddisfazione.

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×