Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La legge sugli stadi fuori dalla stabilità
Impianto a Librino, si allungano i tempi

La norma che avrebbe autorizzato le società a costruire nuovi impianti sportivi non è stata inserita nella legge di stabilità. «Un'occasione persa», secondo Fabio Pagliara, esperto per lo sport del sindaco Enzo Bianco, che ribadisce «la disponibilità dell'amministrazione nell'aprire un tavolo con la presidenza del Calcio Catania». Ma per riprendere l'iter ci vorranno mesi. Intanto i fondi destinati dal Governo alle strutture già esistenti potrebbero tornare utili per il campo Santa Maria Goretti

Carmen Valisano

Sembrava più vicina la realizzazione del «sogno di Antonino Pulvirenti», la creazione di uno stadio del Catania Calcio a Librino, ma così non è stato. È saltato infatti l'inserimento della cosiddetta legge sugli stadi nella manovra economica votata in Senato. Una norma che, se approvata, avrebbe permesso la costruzione di nuovi impianti di proprietà delle società. «L'emendamento passato riguarda solo l'ammodernamento e la messa in sicurezza di impianti da cinquemila posti», spiega Fabio Pagliara, consulente del sindaco Enzo Bianco per lo sport. Fuori, dunque, qualsiasi ipotesi di vedere sorgere nuovi stadi, un tema caro a molti politici di spicco. «La volontà del primo ministro Angelino Alfano è stata quella di velocizzare il provvedimento, inserendolo nella legge di stabilità - afferma Pagliara - Se così fosse stato, sarebbe stato approvato per il 30 novembre». A premere sull'acceleratore anche i vertici del Coni ed era «d'accordo anche il ministro Graziano Dal Rio», responsabile degli Affari regionali. Ma fin dalla presentazione dei primi emendamenti è parso chiaro che - nonostante il consenso trasversale - erano molteplici le difficoltà da superare.

Nei giorni scorsi al centro delle polemiche c'è stato un passaggio secondo il quale sarebbe stato possibile «prevedere uno o più impianti sportivi nonché insediamenti edilizi o interventi urbanistici, entrambi di qualunque ambito o destinazione anche non contigui agli impianti sportivi». Assieme ad alcuni onorevoli del Pd - tra cui Stefano Fassina, viceministro all'Economia e il ministro dell’Ambiente Andrea Orlando -, membri di Sel, Movimento 5 stelle e Verdi hanno tuonato contro i rischi di una speculazione selvaggia. «Capisco le motivazioni - afferma Pagliara - ma si tratta di un'occasione persa». Prima della votazione l'emendamento è stato ampiamente modificato, ed è stato inserito un incremento dei fondi di garanzia per gli impianti già esistenti. Si potrà cercare di ottenere comunque qualcosa, anche dal poco conquistato: «È stato disposto un fondo da 15 milioni di euro per gli ammodernamenti, potrebbe interessarci per effettuare gli interventi sul Santa Maria Goretti», anticipa il consulente.

Catania, ha assicurato in questi giorni Pagliara, sarebbe in prima fila nella realizzazione del nuovo impianto, promesso già nel pieno della campagna elettorale che ha portato all'elezione di Bianco. «Ho sempre creduto nel progetto calcistico e imprenditoriale del presidente Pulvirenti – aveva dichiarato a maggio l'allora candidato del centrosinistra – e seppure il Massimino ci ha dato delle grandi soddisfazioni dobbiamo ammettere che è ormai inadeguato sia per le esigenze della società che quelle delle città». Una presa di posizione che ha spostato per giorni l'attenzione dell'opinione pubblica, costringendo anche gli altri sfidanti alla poltrona di primo cittadino a esprimersi sul tema. E già a febbraio l'ex sindaco Raffaele Stancanelli aveva detto sì a un project financing con Comune e Provincia ipotizzato da Antonino Pulvirenti.

Un impegno che viene ulteriormente ribadito, nonostante i tempi siano più lunghi. «Noi confermiamo la disponibilità dell'amministrazione nell'aprire un tavolo con la presidenza del Calcio Catania». Volontà della giunta è «togliere qualsiasi dubbio a Pulvirenti e ai tifosi: non c'è alcuna resistenza». Luogo del nuovo impianto, è confermato, sarebbe Librino. Secondo il consulente, la struttura «può dare slancio alla rinascita del quartiere e a tutta la città». Una grande opera capace di catalizzare investimenti nell'area a Sud di Catania e «un'idea di sviluppo a 360 gradi». Quale sarà il destino del sogno del patron della società calcistica etnea è difficile saperlo. «Non dipende da noi - sospira Pagliara - Letta ha promesso tempi brevi per la discussione della proposta di legge, ma passeranno comunque dei mesi».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews