Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

No Muos divisi sul corteo di Palermo
Comitati: «Noi fuori, organizza Casa Pound»

Il Coordinamento regionale che si batte contro l'impianto militare di telecomunicazioni Usa ha annunciato che non parteciperà alla manifestazione del 30 novembre organizzata dalla Rete No Muos. «Dietro questa sigla c'è l'estrema destra siciliana e noi siamo antifascisti», denunciano. Il portavoce della Rete, Stefano Di Domenico, ammette la presenza di esponenti di Casa Pound tra gli organizzatori, ma solo a titolo personale. «Noi non abbiamo pregiudizi - spiega - Io antifascista? Lo sono obbligatoriamente in quanto italiano». Ma la spaccatura rischia di disorientare molti semplici attivisti. Guarda il video

Salvo Catalano

Il Coordinamento dei comitati No Muos non parteciperà alla manifestazione di sabato a Palermo organizzata dalla Rete No Muos. Quella che può sembrare una semplice differenza terminologica nasconde una divisione di valori. La linea di demarcazione è l'antifascismo, rivendicato con orgoglio dai comitati. «Dietro la sigla Rete No Muos - denuncia il Coordinamento - ci sono lo Spazio Identitario Atreiu di Palermo e Casa Pound di Palermo, due delle sigle che fanno capo al comitato regionale Terra Nostra che raggruppa alcune organizzazioni di estrema destra siciliane. Questa rete che si definisce apartitica, quindi, ha alla sua base importanti realtà politiche che hanno condizionato e continuano a condizionare il panorama partitico della destra». Accusa rimandata al mittente dalla Rete No Muos che, in una nota pubblicata sulla sua pagina Facebook, parla della necessità di «costituire questo coordinamento per rendere la battaglia contro il Muos realmente di popolo e libera da qualsiasi strumentalizzazione ideologica e partitica messa in atto, purtroppo, da alcuni elementi dei Comitati No Muos che si arrogano il diritto di monopolizzare questa battaglia». «Noi non abbiamo nessun pregiudizio, sono loro che si dividono da noi», aggiunge Stefano Di Domenico, portavoce della Rete.

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×