Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La rinascita di Etna Nord: viaggio fino a quota 3000
Escursioni e trekking lungo il versante meno battuto

Terminato il monopolio per il trasporto su gomma e archiviato un periodo di stasi, dallo scorso anno turisti e appassionati possono raggiungere le quote sommitali. L'attività ricettiva è destinata ad allargarsi ulteriormente con più licenze e servizi. Guarda il video

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Per molti è il profilo più bello della montagna. Eppure è il meno conosciuto. Dopo l’eruzione del 2002, con la colata lavica che ha distrutto parte di Piano Provenzana, punto di ritrovo per gli escursionisti, solo adesso, a distanza di 20 anni, il versante nord dell’Etna sembra cominciare a rifiorire. In mezzo, oltre alla forza prepotente del vulcano, anche la fine della concessione in monopolio per il trasporto su gomma dei turisti e la necessità di ricostruire, su tanti fronti. La ripresa era già stata inaugurata lo scorso anno, con il bando del Comune di Linguaglossa che ha affidato cinque licenze ad altrettanti vettori per portare i visitatori su in quota, fino a 3000 metri, eruzioni permettendo.

Un’attività destinata ad allargarsi, con le altre cinque licenze ancora da assegnare da parte dello stesso Comune e le otto a bando a Castiglione di Sicilia, che divide con Linguaglossa la titolarità del percorso da Piano Provenzana alla vetta. Scelta anche da molti stranieri per un matrimonio diverso dal solito. A un anno dalla ripartenza, siamo andati a vedere come si sta gestendo lo sviluppo turistico di Etna nord. A cominciare dalla soluzione ad alcuni problemi sollevati lo scorso anno: primo tra tutti, l’assenza di una vera biglietteria dedicata all’accoglienza dei turisti.

Servizio che, dall’estate scorsa, si appoggia all’interno del centro servizi di piano Provenzana, in attesa della nuova stazione. Lì i diversi vettori privati hanno deciso di proporre ai turisti un canale unico di prenotazione. Cercando anche di risolvere un altro problema: la scarsa disponibilità di pullmini riscontrata lo scorso anno. Con queste premesse, si è andata delineando l’offerta turistica di Etna Nord. Che ha scelto il suo modo per competere con l’altro versante, storicamente più frequentato, provando a trasformare il mancato sviluppo in un punto di forza. Qui si punta sui naturali effetti speciali di una realtà al tempo stesso montagna e vulcano, capace di attrarre visitatori diversi.

La vera sfida e attrazione principale però resta sempre lei: la vetta. I tanto sognati 3000 metri, in cui il respiro manca non solo per l’aria rarefatta ma soprattutto per la vista accompagnata, se si è fortunati, da bagliori e boati. E se la pandemia ha dato il tempo al versante Nord di riorganizzarsi, questa sembra essere la stagione della vera scommessa. Con i turisti che già da aprile hanno ricominciato a fare capolino in Sicilia, sul vulcano c’è aria di ottimismo. Pur sempre cauto.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×