Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Rete No Muos, pomeriggio corteo a Palermo
I comitati: «Saremo lì per smascherarli»

Oggi, a partire dalle 16, si terrà la manifestazione che ha diviso in questi giorni gli attivisti che si battono contro il sistema militare di telecomunicazioni Usa. Il Coordinamento regionale dei comitati, che sarà presente con un presidio informativo, ha invitato a boicottare l'evento. «È organizzato da Casa Pound e da movimenti di estrema destra», denuncia. «Siamo apartitici e non ci sarà nessuna bandiera», replicano i promotori. Intanto stanotte il profilo ufficiale del Movimento è stato misteriosamente rimosso

Salvo Catalano

È il giorno del corteo delle polemiche per il Movimento No Muos. Si svolgerà a Palermo e il concentramento è previsto per le 16 in piazza Politeama, la partenza un'ora dopo. La manifestazione è organizzata dalla Rete No Muos che, nelle ultime settimane, ha rivendicato la natura apartitica dell'evento. Ma il Coordinamento regionale dei comitati, promotore fino ad oggi di tutte le manifestazioni contro l'impianto militare di telecomunicazioni di Niscemi, invita a boicottare il corteo, «perché organizzato da movimenti e partiti di destra o estrema destra». I comitati contrari al corteo - in rappresentanza di Niscemi, Catania, Palermo e Gela - saranno presenti con un banchetto in piazza Verdi, di fronte al Teatro Massimo, e svolgeranno azione di informazione con volantinaggio. «Faremo capire alla gente chi sono veramente i coordinatori della Rete No Muos», spiega Fabio D'Alessandro, attivista di Niscemi. Nel frattempo, nelle ultime ore è scomparso il profilo ufficiale Facebook del Movimento. «Siamo stati segnalati da qualcuno e i tempi sono sospetti, siamo sicuri che è stato qualcuno della Rete», attaccano dal comitato di Niscemi.

Il corteo percorrerà il centro della città, in particolare le vie Amari, Roma, quindi svolterà a sinistra per via Cavour e si concluderà sotto la Prefettura. Hanno aderito alcune associazioni studentesche e circoli di partito locali sia di destra che di sinistra. «Verranno gruppi che tra di loro non vanno d’accordo – ha spiega il portavoce della Rete Stefano Di Domenico – Fratelli d’italia, Forza italia, Pdl, sicilianisti e Casa Pound. Siamo riusciti ad unire tutti i gruppi sotto un’unica bandiera: quella della difesa della sovranità della Sicilia». Tra gli organizzatori ci sono anche alcuni membri di Casa Pound, «ma a titolo personale», specifica Di Domenico. La parola d'ordine è nessuna bandiera di partito.

La presenza degli attivisti del Coordinamento potrebbe generare tensioni. Ma i comitati escludono questa possibilità: «Non ci interessa provocare - sottolinea D'Alessandro - né fare una contro manifestazione, faremo solo semplice volantinaggio per smascherarli e spiegare come mai si sono mossi all'improvviso sbucando dal nulla». Il contro-presidio era stato lanciato anche come evento su Facebook. «Stanotte il profilo ufficiale No Muos, quello storico perché il primo ad essere nato, è stato rimosso dopo la segnalazione di qualcuno. Così è sparito anche l'evento di volantinaggio di oggi pomeriggio, che era stato creato proprio da quel profilo. La tempistica - continua l'attivista di Niscemi - è quanto meno sospetta».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews