Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

No Muos, polizia carica attivisti dei Comitati
«Volevamo solo avvicinarci al corteo»

Scontri e tensioni alla manifestazione di oggi pomeriggio a Palermo. Da un lato, circa settanta partecipanti che aderiscono alla Rete No Muos, dall'altro altrettanti membri dei comitati del Coordinamento regionali, contrari al corteo perché «organizzato da Casa Pound e movimenti di estrema destra», ma presenti a Palermo con un presidio «per smascherarli». Si sono registrate cariche della polizia per impedire che si spostassero verso il corteo e lanci di pietre. Un attivista fermato

Agata Pasqualino

Scontri e tensione al corteo organizzato dalla Rete No Muos oggi pomeriggio a Palermo. La polizia ha caricato due volte gli attivisti del Movimento No Muos, contrari alla manifestazione perché «organizzata da Casa Pound e movimenti di estrema destra», come hanno dichiarato nei giorni scorsi a CTzen, per evitare che si avvicinassero ai partecipanti in marcia.

«Ci hanno caricato due volte, la prima davanti Piazza Teatro e l'altra in via Roma», racconta il membro del Comitato No Muos di Niscemi Fabio D'Alessandro, presente al presidio con una settantina di altri attivisti. Anche i partecipanti al corteo sono circa settanta secondo D'Alessandro, un centinaio secondo gli organizzatori (che abbiamo cercato di contattare ma non sono raggiungibili) e si stanno muovendo verso la Prefettura. «Ci hanno detto che il corteo non sarebbe passato dalla piazza quindi volevamo spostare il presidio, ma in via Roma mentre eravamo in mezzo alla strada la polizia ci ha bloccato con la forza», spiega Elvira Cusa del Movimento.

«Gli estremisti di sinistra - riferisce la Rete No Muos all'agenzia Agi - hanno lanciato pietre e bombe carte verso il corteo scontrandosi con la polizia, posta a tutela del corteo. Mentre noi scendiamo in piazza pacificamente i centri sociali scatenano assurde violenze». Un attivista che fa parte dei comitati del coordinamento regionale sarebbe stato fermato dalle forze dell'ordine.

«Ci sono più poliziotti che cittadini, sia da noi che da loro», aggiunge D'Alessandro. «Non vogliamo fare la guerra dei numeri, anzi ci aspettavamo più gente al corteo e forse il mal tempo ha impedito a molti di raggiungere Palermo, ma cerchiamo solo di far capire la differenza tra noi e loro». Il Movimento è da sei anni in prima linea nella lotta contro il Muos: «Loro non li abbiamo mai visti - spiega l'attivista - A quanto ci risulta nessuno dei membri della Rete è di Niscemi. E anche se si dicono antiamericani, lo sono per motivi opposti ai nostri».

Sul perché la Rete sia scesa in campo proprio adesso D'Alessandro afferma: «Ultimamente l'estrema destra ha cercato di infiltrarsi in diversi movimenti, per esempio tra i No Tav. Non so spiegare perché ora abbiano scelto i No Muos, forse perché siamo sulla cresta dell'onda e fa notizia».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews