Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

No Muos, le polemiche dopo gli scontri
«La differenza con i fascisti si deve notare»

Due giorni dopo la manifestazione della rete e del contro-corteo dei comitati a Palermo, con i conseguenti scontri con la polizia, il bilancio è di una decina di feriti più e meno gravi e di un ragazzo fermato. In tanti, in queste ore sui social network, si chiedono se tentare di bloccare il corteo sia stata una mossa utile. «Abbiamo fatto quello che dovevamo fare, fermare delle persone mai viste sul territorio. Il movimento non è diviso, è la Rete a non essere un movimento», risponde Elvira Cusa, attivista niscemese. Guarda il video degli scontri

Claudia Campese

Una decina di feriti più e meno gravi a causa delle manganellate e degli spray urticanti e un ragazzo fermato dalla polizia. E' questo il bilancio degli scontri di sabato durante la manifestazione a Palermo della Rete No Muos, quando la polizia ha effettuato due cariche nei confronti dei manifestanti del contro-corteo dei Comitati No Muos. Al momento il ragazzo fermato si trova nel carcere dell'Ucciardone, «non sappiamo ancora se gli faranno un processo per direttissima o se convalideranno il fermo e si vedrà», spiega Fabio D'Alessandro, attivista del Comitato No Muos di Niscemi. Rete e comitati, parole che distinguono due movimenti diversi, seppure contro lo stesso obiettivo: l'impianto militare di antenne satellitari della marina militare Usa nel nisseno. Una diversità che due giorni fa ha portato agli scontri con lancio di pietre e bombe carte e alle successive polemiche.

I comitati, che si dichiarano antifascisti, erano a Palermo per fermare il corteo della rete, dichiaratamente apartitica ma con al suo interno sigle che fanno riferimento all'estrema destra, tra cui Casa Pound. «In centinaia abbiamo manifestato a Palermo sotto la pioggia. Un corteo pacifico e senza bandiere di partito come promesso - scrivono dalla rete No Muos subito dopo i fatti - I centri sociali hanno tentato di attaccare il corteo scatenando scontri con la polizia. Ora è il momento di isolare dal Movimento No Muos i centri sociali palermitani, evidentemente al servizio degli americani, responsabili degli incidenti».

Tra i manifestanti del contro-corteo solo un piccolo gruppo veniva dai comitati No Muos siciliani. A loro si sono aggiunti i giovani dei centri sociali del capoluogo. Un errore tattico, secondo alcuni simpatizzanti, che avrebbe innescato gli scontri  e «fatto passare i fascisti per delle vittime», scrivono in tanti sui social network. «Abbiamo fatto quello che dovevamo fare - risponde alle accuse Elvira Cusa, attivista del comitato di Niscemi - Dovevamo fermare delle persone mai viste sul territorio. La lotta contro il Muos non si fa tramite Facebook o con una manifestazione di cinquanta persone».

Persone che, per il coordinamento dei comitati, sono da evitare. Nonostante gli appelli della Rete No Muos a unirsi in nome della battaglia comune. «Il movimento non è diviso - continua Cusa - La rete, che ha portato in piazza cinquanta persone contro le nostre quindicimila degli scorsi cortei, non è un movimento e si vede anche dalla gente che riesce a far muovere». La risposta a quanti si chiedono se questa divisione sia davvero utile, i comitati hanno cercato di darla ieri tentando di bloccare il corteo. E oggi rivendicano questa scelta. «La differenza tra noi e i fascisti si deve notare», conclude Cusa.

Video di Gianmarco Catalano

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews