Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Uccisione Elena, la bambina colpita con più di 11 colpi
Non è morta subito. Decesso avvenuto intorno alle 13

Un solo fendente è stato quello letale, perché ha reciso i vasi dell'arteria succlavia. Questi i primi esiti emersi dall'esame autoptico eseguito ieri all'ospedale Cannizzaro di Catania. La madre, Martina Patti, 23enne ha confessato di averla uccisa e resta in carcere

Redazione

«I colpi dati a Elena Del Pozzo sono stati inferti con un'arma compatibile con un coltello da cucina, non ancora trovato, e sono stati più di undici. Uno solo è stato quello letale perché ha reciso i vasi dell'arteria succlavia. Ma la morte della bambina non è stata immediata». Sono queste le prime indiscrezioni riguardo agli esiti dell'autopsia che si apprendono da fonti della procura di Catania. L'esame è stato eseguito ieri sulla bambina di 4 anni uccisa dalla madre, Martina Patti, 23 anni, che ha confessato il delitto e si trova in carcere. I rilievi avrebbero anche chiarito l'orario del decesso, stimato intorno alle 13, cioè circa 60 minuti dopo che la bambina era stata presa a scuola e aveva pranzato. 

I magistrati hanno chiesto, come emerso ieri sera dopo l'interrogatorio di garanzia nella casa circondariale di piazza Lanza, anche un esame tossicologico per capire se la bambina sia stata sedata prima di essere uccisa. I fatti risalgono allo scorso 13 giugno quando la donna denunciò il rapimento della figlia a opera di un commando, composto da quattro persone incappucciate, armate e con dei guanti. Una versione durata meno di 24 ore. La mattina del 14 giugno Patti ha condotto i carabinieri di Mascalucia in un terreno abbandonato distante circa seicento metri dalla casa in cui la donna viveva con la figlia. Del Pozzo era stata parzialmente sotterrata e inserita in cinque sacchi di plastica neri. La mamma ha confessato il delitto ma le indagini continuano. Da ricostruire c'è il movente e non solo. I carabinieri non escludono infatti che la donna possa essere stata aiutata da qualcuno

Nel tardo pomeriggio, i carabinieri della Sezione investigazioni scientifiche (Sis) di Catania e del Ris di Parma eseguiranno un sopralluogo nella casa di Mascalucia di Martina Patti, attualmente in carcere. Accertamenti saranno estesi anche a un perimetro più vasto del luogo dove è stato trovato il corpo della bambina, a circa seicento metri dall'abitazione, in una campagna abbandonata. Rilievi sono stati eseguiti nelle due zone da carabinieri con l'uso di un drone.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×