Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

«Martina Patti non ha ucciso sua figlia dentro la villetta»
I chiarimenti della procura dopo gli accertamenti dei Ris

«Le tracce di sangue rinvenute nell'abitazione sono da riporto», hanno precisato gli inquirenti dopo le verifiche dei carabinieri nella casa di Mascalucia dove madre e figlia vivevano al secondo piano. Sequestrato un abito di Martina Patti con macchie ematiche

Marta Silvestre

«Le tracce di sangue rinvenute nell'abitazione sono da riporto. Quindi, si può escludere con certezza che l'omicidio sia avvenuto a casa». Sono queste le precisazioni della procura dopo gli accertamenti effettuati questa mattina dai carabinieri del Ris all'interno della villetta di via Euclide a Mascalucia. Dove, al secondo piano, vivevano la bimba di quattro anni Elena Del Pozzo e Martina Patti, la madre di 23 anni che l'ha uccisa a coltellate la scorsa settimana. Macchie di sangue sono state trovate anche su un suo vestito che è stato sequestrato durante una perquisizione disposta dalla procura. Gli esami dovranno accertare di chi è quel sangue e da quanto tempo era presente sull'abito della donna. Dopo avere inscenato il rapimento da parte di un commando armato, la donna ha confessato di avere ucciso la figlia e ha raccontato di averlo fatto nel terreno incolto dove poi lei stessa ha fatto ritrovare il cadavere. Nella ricostruzione fatta dalla 23enne, dopo avere compiuto l'infanticidio, sarebbe tornata a casa per lavarsi e cambiarsi

In casa è stato trovata anche la parte del budino che Elena non ha finito di mangiare mentre guardava i cartoni animati dal cellulare della madre. Secondo il racconto di Patti, per andare con lei a vedere un posto dove la mamma giocava da bambina e dove la piccola non era mai andata e che era curiosa di vedere. Lì, invece, la bimba sarebbe stata assassinata e il suo corpo messo dentro cinque sacchi di plastica e in parte seppellito in una buca. Dall'autopsia è emerso che Elena è stata uccisa con almeno undici coltellate (comunque meno di venti), di cui una sarebbe stata quella letale che, però, non ha procurato la morte immediata.

La procura ha chiesto che sul cadavere vengano effettuati esami tossicologici per chiarire se la bambina sia stata sedata prima di essere uccisa. Le indagini continuano anche per verificare l'eventuale coinvolgimento di complici nel delitto o nelle fasi successive. L'arma (che, sulla base delle ferite, sarebbe un coltello da cucina) non è ancora stata ritrovata. E del movente la madre - che ora si trova in carcere accusata di omicidio volontario pluriaggravato e occultamento di cadavere - non ha mai detto nulla. Gli investigatori hanno parlato di «gelosia nei confronti della nuova compagna del padre», mentre lui - Alessandro Del Pozzo - ha dichiarato che «voleva mettere mia figlia contro di me e poi l'ha uccisa». Intanto, mercoledì pomeriggio - a partire dalle 17 - nella cattedrale di Catania sarà l'arcivescovo Luigi Renna a celebrare i funerali di Elena. Per quel giorno, il sindaco di Mascalucia Vincenzo Magro ha proclamato il lutto cittadino. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×