Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Omicidio Ylenia, condannata a 18 anni l'ex amica
L'accoltellamento, la fuga e il video di quella lite

Alle 14 c'è stata la lettura del dispositivo del processo di primo grado, in abbreviato, sull'uccisione della ragazza originaria di Messina. A colpirla a dicembre 2020 dopo una lite in strada Daniela Agata Nicotra. Quest'ultima si costituì il giorno dopo

Dario De Luca

Diciotto anni di carcere e 30mila euro di risarcimento danni. Questa la condanna in primo grado, con il dispositivo appena letto al tribunale di Catania dalla giudice Simona Ragazzinei confronti di Daniela Agata Nicotra. La procura aveva chiesto 20 anni e due mesi. Alla sbarra con l'accusa di avere ucciso l'ex amica Ylenia Bonavera la sera tra il 9 e il 10 dicembre 2020. La vittima venne accoltellata in strada all'incrocio tra via delle Salette e via della Concordia, a Catania. Attimi concitati che vennero immortalati in un video amatoriale che MeridioNews pubblicò in esclusiva. Il filmato, girato con uno smartphone, mostrava due macchine ferme al centro dell'incrocio: una Mini Cooper bianca e una Smart blu vecchio modello. Vicino ai mezzi una donna con un giubbino giallo, poi identificata nella 26enne Bonavera, e un'altra persona. Quest'ultima, quando la lite sembrava conclusa, si avvicinò alla macchina, prese un coltello e con un fendente alla spalla destra colpì la vittima. 

Subito dopo Nicotra entrò in macchina, insieme ad altre due persone, e fuggì via. La vittima, invece, venne trasportata in ospedale da un'amica. Alle 21.18 l'arrivo al Pronto soccorso dell'ospedale Garibaldi centro e circa 30 minuti i medici ne dichiararono la morte. Nicotra si presentò in questura soltanto l'indomani, accompagnata dal proprio legale Giovanni Chiara, sostenendo di avere reagito a un'aggressione da parte della donna. Una volta finita dietro le sbarre Nicotra è stata sottoposta a perizia psichiatrica. Il perito Eugenio Auguglia però indicò come, al momento del fatto, non ci fosse «alcuna patologia psichiatrica tale da escludere o scemare l'imputabilità della 34enne».

Parte offesa nel processo la mamma della vittima: Nunziatina Giorgio Piluso, difesa dall'avvocata Vittoria Santoro dello studio Domenico Rizzotti. Non si è presentato in udienza, invece, il presunto marito della vittima. Un uomo originario del Marocco con cui Bonavera si sarebbe unita in matrimonio diversi anni fa. Il particolare, mai svelato prima, è emerso durante l'ultima udienza, quando l'uomo aveva annunciato la volontà di costituirsi parte civile nel processo tramite il legale Raffaele Bruno, del foro di Catanzaro.

Tra l'imputata e la vittima ci sarebbe stata una forte amicizia poi degenerata. Nicotra in passato aveva lavorato come parrucchiera in un salone di bellezza lungo viale Mario Rapisardi e, successivamente, era diventata ragazza immagine e spogliarellista, conosciuta con l'appellativo di pantera bionda. Bonavera aveva invece conosciuto la ribalta pubblica nel 2017, quando venne ricoverata dopo che l'allora fidanzato, Alessio Mantineo, l'aveva cosparsa di benzina e le aveva dato fuoco. Del caso si interessò, con un collegamento dal letto d'ospedale, anche la trasmissione Mediaset Pomeriggio Cinque, condotta da Barbara D'Urso.  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×