Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Delitto Acireale, morte di Vito Cunsolo dieci anni dopo Peppe
Una vittima di Piano d'Api era fratello del giovane rugbista

Classe 1991 era conosciuto con l'appellativo di Lupin. Nel 2012 il parente 13enne venne trovato agonizzante lungo viale Castagnola, a Librino. Una famiglia che affronta una doppia tragedia. L'uomo si era sposato da poco e la coppia aspettava un figlio

Dario De Luca

Un cartello in legno con impresse le foto di un ragazzino che gioca a rugby e una scritta per non dimenticarlo. Peppe Cunsolo, 13 anni, morì il giorno di San Valentino del 2012. Due settimane prima, il pomeriggio del 28 gennaio, il suo corpo agonizzante venne trovato abbandonato in strada, lungo viale Castagnola, nel quartiere Librino. La prima ipotesi fu quella di un incidente stradale ma dietro la vicenda c'erano troppi lati oscuri con la procura, allora retta da Giovanni Salvi, che aprì un'inchiesta. Peppe sarebbe morto travolto da una macchina a cui si era agganciato per trainare un motorino senza benzina.

A Peppe Cunsolo la sua squadra, i Briganti Rugby, ha dedicato anche la club house all'interno del campo San Teodoro. Luogo simbolo di riscatto in un quartiere dimenticato da Stato e istituzioni. Dieci anni dopo la famiglia Cunsolo si ritrova attorno al cadavere di Vito, fratello maggiore di Peppe. Il giovane, classe 1991, insieme al cugino Virgilio Cristian è stato ucciso a colpi di pistola in un fondo agricolo a Piano d'Api, frazione di Acireale. Per il delitto è stato fermato il 72enne Giuseppe Battiato. L'uomo ha dichiarato di avere sparato perché già sotto minaccia da parte dei due, interessati a sottrargli il terreno, forse per coltivare marijuana.

Gli inquirenti, impegnati a ricostruire il movente, conoscevano bene Vito Cunsolo. Volto noto non solo nel quartiere periferico del capoluogo etneo, dove era stato ribattezzato con l'appellativo di Lupin, ma anche alle cronache giudiziarie per una serie di precedenti penali. Nel 2018 per quattro mesi di lui si persero le tracce, ufficialmente latitante dopo un'ordine di carcerazione a seguito di una sentenza definitiva di condanna per rapina e ricettazione. I poliziotti del commissariato di Librino lo scovarono a casa della nonna. Un periodo nella casa circondariale di piazza Lanza e poi il trasferimento in una comunità di recupero a Messina. Una permanenza indigesta conclusa con un'evasione a pochi giorni dal Capodanno del 2019. La fuga terminò con un incidente stradale lungo la Catania-Gela e il ricovero in ospedale. 

Quando il 13enne Peppe Cunsolo morì, dietro le sbarre del carcere Ucciardone di Palermo c'era invece il papà del ragazzo, Orazio Cunsolo. Anche lui pregiudicato per furto, recentemente aveva finito di scontare gli arresti domiciliari. Un momento che la famiglia aveva celebrato con un video pubblicato su Tik Tok. Nel 2019 Cunsolo, che ieri sera ha atteso l'uscita dei feretri all'esterno della proprietà di Battiato con decine di parenti e amici, venne bloccato a Librino, insieme a un complice, a bordo di una Fiat 500 rubata. Qualche settimana dopo, i carabinieri lo sorpresero in piazza Stesicoro mentre passeggiava dopo essere evaso dai domiciliari. Il figlio Vito, la cui salma è stata scoperta dagli stessi familiari nel terreno di via Roccamena, nei mesi scorsi si era sposato e la coppia aspetta un bambino. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×