Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Uccise la vicina con una coltellata, scarcerata 48enne
Non fu un omicidio ma «eccesso di legittima difesa»

L'ex modella di origini romene Georgeta Colesnicenco era detenuta con l'accusa di avere ammazzato la 41enne colombiana Garcia Rios la sera del 3 febbraio del 2021. «Era stata selvaggiamente aggredita», commenta il suo avvocato Pietro Ivan Maravigna

Marta Silvestre

Scarcerazione immediata per Georgeta Colesnicenco. L'ex modella di origine romene, classe 1974, si trova detenuta nella casa circondariale di Agrigento, con l'accusa di avere ucciso, con una coltellata allo stomaco, la 41enne colombiana Garcia Rios. Dietro al delitto ci sarebbe stata una lite tra vicini. «Alla luce della diversa qualificazione del fatto, appaiono cessate le esigenze cautelari», scrive la giudice per le indagini preliminari Carla Aurora Valenti nella sentenza pronunciata oggi. «Per la giudice - commenta l'avvocato Pietro Ivan Maravigna che difende Colesnicenco - si è trattato infatti di eccesso colposo di legittima difesa. Un'ipotesi che era stata avanzata in via subordinata dalla difesa, che in primo luogo aveva ovviamente chiesto la piena assoluzione, e che ha evitato che ci fosse un'altra vittima». 

La 48enne è stata condannata a due anni di reclusione, al pagamento delle spese processuali e a quelle del suo mantenimento in carcere. Immediatamente scarcerata dopo la lettura della sentenza, per un anno la giudice ha deciso di applicare nei suoi confronti la misura di sicurezza della libertà vigilata e le ha inoltre prescritto di intraprendere un trattamento al DSM. Colesnicenco è stata condannata pure al risarcimento dei danni in favore delle parti civili. L'accoltellamento è avvenuto la sera del 3 febbraio del 2021 a Catania in un palazzo in via Stazzone, una traversa del viale Mario Rapisardi. Un taglio, all'altezza dello stomaco, così profondo da provocarle una emorragia interna a cui i medici dell'ospedale Garibaldi centro di Catania non avevano potuto porre rimedio. Così era morta la 41enne originaria della Colombia, sposata con un pizzaiolo e madre di due bambini. 

Stando alla ricostruzione dei poliziotti che erano intervenuti sul posto, Colesnicenco avrebbe battuto i pugni sui muri del suo appartamento, perché infastidita dagli schiamazzi provenienti dall'abitazione del fratello della vittima. Questo, insieme alla sorella, intorno alle 23, avrebbero suonato al campanello della 46enne. Pochi attimi e sarebbe scattata l'aggressione. «Troppo frettolosamente la mia assistita era stata etichettata come una "crudele assassina" - commenta il legale - ma i fatti processuali hanno acclarato che è stata selvaggiamente aggredita all’interno della propria abitazione ed è stato riconosciuto il suo legittimo diritto a difendersi. Per il giudice vi è stato "un eccesso colposo" in questa legittima difesa, da cui la condanna a due anni, quasi del tutto già scontata in custodia cautelare. La condotta tenuta dalla signora Colesnicenco - conclude Maravigna - purtroppo non aveva alternative».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×