Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Bagno di folla per Ross Pelligra allo stadio Massimino
«Sono felice, non mi aspettavo un'accoglienza simile»

L'imprenditore australiano accolto tra cori e speranze in occasione della Giornata dell'orgoglio rossazzurro. Qualche parola in dialetto e un bambino che gli dona una sciarpa. Poi il calcio d'inizio alla partita. In campo tanti volti noti del club

Dario Giuffrida

Foto di: Massimo Brucato

Foto di: Massimo Brucato

Centoquattro giorni. Tanti ne sono passati dall'ultima volta che i colori rossazzurri hanno calcato il manto del Massimino in una gara ufficiale, dall'ultima volta che i cori e la passione dei tifosi catanesi hanno riecheggiato nel glorioso impianto di Cibali. Era il 16 marzo scorso e gli uomini di Baldini, sospesi nel limbo generato dall'attesa per un futuro che sembrava non voler arrivare, avevano dovuto concedere il pareggio al Campobasso per 1-1, davanti a poco meno di 4mila spettatori.

Ce n'erano quasi il doppio, su quelle stesse gradinate, questo pomeriggio. La storia della Catania calcistica è ripartita, finalmente, con l'aggiudicazione del bando per il titolo sportivo, indetto dall'amministrazione comunale, alla cordata rappresentata dal manager australiano Ross Pelligra. La sua presenza in città, in occasione della conferenza stampa di presentazione svoltasi stamane a palazzo degli Elefanti, ha potuto sfruttare una fortunata coincidenza con la Giornata dell'orgoglio rossazzurro, organizzata già in precedenza, che ha concesso al nuovo presidente etneo un inaspettato bagno di folla. La sfida tra le vecchie glorie catanesi ed i giovani, e le giovani, del vecchio Calcio Catania è passata rapidamente in secondo piano, divenendo contorno all'ingresso trionfale di Pelligra al Massimino, poco dopo le 19, insieme all'advisor della cordata, Dante Scibilia, e dall'assessore allo sport del Comune di Catania, Sergio Parisi.

Un vero e proprio bagno di folla per il proprietario del nuovo Catania, quasi sopraffatto dal calore degli oltre 7mila tifosi che hanno gremito le tribune A e B dell'impianto. Da qualche parte spunta una bandiera australiana, mentre uno dei tanti bambini presenti in campo regala all'imprenditore la sua sciarpa rossazzurra. Un gesto che scioglie Pelligra, visibilmente sorpreso e commosso dall'accoglienza e che, non senza qualche impaccio, si rivolge con qualche parola in dialetto ai tifosi presenti, mentre l'assessore Parisi lo esorta a partecipare ai cori provenienti dalle tribune con un saltello appena accennato. Poi il calcio d'inizio dato alla sfida ed il commiato. Gesti misurati, ma che, mischiati alla speranza di cui è inevitabilmente portatore, lo hanno subito fatto entrare nel cuore dei supporters etnei.

Sono proprio questi sentimenti i protagonisti del pomeriggio del Massimino, che arriva come una boccata d'ossigeno per una città in apnea, non solo calcisticamente, da diversi mesi. Dopo i festeggiamenti e i brindisi bene auguranti sarà subito il momento di rimboccarsi le maniche e costruire, dapprima la società e poi lo staff tecnico e sportivo, progettando il futuro del club, dentro e fuori dal campo. Il cammino è ancora lungo, ma il Catania, così come la storia della città impone, è finalmente rinato dalle sue ceneri.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×