Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Lo sciopero dei lavoratori Amts contro i disservizi
«Carenze ci sono nei confronti nostri e degli utenti»

L'astensione è durata quattro ore, ma la Faisa Cisl fa sapere che se dall'azienda non arriveranno segnali di ascolto a settembre ne verrà indetto uno per 24 ore. «Buste paghe illeggibili, parco macchine vetusto e poco organico»

Simone Olivelli

«Gli autisti avranno le loro ragioni, purtroppo questo sciopero compromette il mio viaggio. Non vado quasi mai a Catania, dovevo recarmi in viale Mario Rapisardi, significa che dovrò fare tanta strada a piedi». Le elevate temperature che da giorni si registrano in tutta la Sicilia hanno contribuito a fiaccare le speranze di chi oggi sperava di potersi muovere a bordo degli autobus. Per il resto ci ha pensato lo sciopero indetto dal personale di Amts, la partecipata del Comune che gestisce il trasporto pubblico urbano su gomma. All'origine della protesta, che è andata avanti per quattro ore, una serie di dissapori tra lavoratori e azienda. «Abbiamo provato in tutti i modi a trovare accordi con l'azienda - dichiara Aldo Moschella, segretario generale di Faisa Cisl a Catania - Oggi leggiamo sui giornali che si tratta di una realtà in utile ma allora chiediam perché si sia deciso di non venire incontro ai lavoratori in un momento in cui la crisi sta coinvolgendo tutti».

Tra le contestazioni rivolte dal sindacato, oltre al mancato adeguamento contrattuale, anche questioni relative alla trasparenza. «Sono anni che abbiamo le buste paga illeggibili, piene di errori, abbiamo chiesto di intervenire ma nulla finora è stato fatto», continua Moschella. Il segretario generale etneo di Faisa Cisla annuncia poi la possibilità di ripetere la protesta, con modalità ben più incisive. «In prima battuta abbiamo scelto uno sciopero di quattro ore, ma l'azienda finora non ha scelto di venirci incontro. Se non riceveremo risposte - va avanti Moschella - saremo costretti a indirne uno di 24 ore a inizio settembre». Le considerazioni negative riguardano anche la qualità del servizio offerto. «Gli utenti attendono troppo tempo alle fermate, gli autobus in una città come Catania, con i quartieri satellite, sono fondamentali. Di recente hanno assunto venti autisti ma sono pochi rispetto alle esigenze. Infine - conclude Moschella - sarebbe necessario intervenire anche sul parco macchine: i mezzi non sono nuovo e necessitano continuamente di interventi in officina». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×