Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

L'infermiere accusato di avere ucciso di notte due donne
Allo psichiatra ha parlato di «distacco emotivo dai pazienti»

Il gip, accogliendo la richiesta di misura cautelare della procura, ha ritenuto sussistenti le aggravanti della premeditazione e dei futili motivi. I farmaci, che non dovevano essere somministrati, sono stati inoculati con un sovradosaggio da due a cinque volte

Simone Olivelli

Da due a cinque volte. Sta in questo range il sovradosaggio di Diazepam e Midazolam che Vincenzo Villani Conti avrebbe somministrato alle due donne decedute all'ospedale Cannizzaro di Catania. Per la procura di Catania, che ha posto in stato di fermo e poi ottenuto la misura cautelare da parte del gip Stefano Montoneri, l'infermiere ha agito per uccidere. L'accusa include anche le aggravanti della premeditazione e dei futili motivi. Villani Conti, di origini calabresi ma residente nel capoluogo etneo, si trova in carcere. «Il motivo di tutta la vicenda risiede nella insoddisfazione dell'indagato rispetto al modo con cui veniva trattato in azienda ospedaliera», si legge nell'ordinanza. L'uomo, 49 anni, era stato trasferito di reparto. Una decisione che avrebbe patito, ritenendola come l'ennesimo atto vessatorio da parte dei superiori, e che lo avrebbe portato a «uno stato di preoccupante distacco emotivo maturato nei confronti dei pazienti». Per il gip, tuttavia, i problemi lavorativi piuttosto che rappresentare la causa scatenante dell'azione omicidiaria sarebbero stati nient'altro che «la mera occasione per lo sfogo della personalità criminale».

I decessi di Maria D'Antone e Graziella Vecchio sono avvenuti il 2 dicembre del 2020 e il 16 gennaio del 2021. In entrambi i casi tra una fascia oraria che va dalle 19.40 alle 7.26, ovvero compatibilmente con i turni notturni degli infermieri. Ed è guardando a chi fosse in servizio in quelle notti che è saltata all'occhio la presenza di Villani Conti in ospedale. I farmaci, stando agli atti d'indagine, sarebbero stati somministrati per vena e quasi simultaneamente. «La contemporanea presenza delle due benzodiazepine nell'organismo ha determinato un aumento reciproco degli effetti tossici sull'apparato respiratorio. Considerando le condizioni cliniche delle due pazienti - si legge nell'ordinanza - la grave compromissione della loro funzione respiratoria avrebbe dovuto costituire una controindicazione specifica alla somministrazione».

Anche se non è stato ancora possibile accertarlo, l'infermiere avrebbe sottratto i farmaci dall'armadietto posto nella sala infermieri del reparto Medicina e Chirurgia d'accettazione e urgenza del Cannizzaro. Agli atti delle indagini ci sono anche le parole di due professionisti, uno psichiatra e uno psicologo a cui Villani Conti si è rivolto, raccontando quanto era accaduto. «Dagli atti di indagine è possibile ricavare come l'indagato sia aduso ad approcciarsi al contesto lavorativo e alla propria sfera emotivo-esistenziale in termini - afferma il giudice per le indagini preliminari che ha disposto il trasferimento in carcere dell'infermiere - vendicativi e prevaricatori».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×