Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Pulvirenti commenta l'assunzione di Luca Maggiani alla Juve
«Ai tempi mi presero per pazzo. Oggi sono stato risarcito»

Sono ancora vivi i ricordi di quella partita allo stadio Massimino finita 1 a 0 in favore degli ospiti in cui, dopo una discussione con l'allora guardalinee, fu annullato un gol a Bergessio. «Non mi ero sbagliato su di lui», afferma l'ex patron

Dario Giuffrida

Foto di: Calcio Catania Spa Official

Foto di: Calcio Catania Spa Official

Non accennano a placarsi le polemiche attorno all'ufficializzazione di Luca Maggiani nell'organigramma societario della Juventus. Maggiani che, per anni, è stato attivo in Serie A come guardalinee, è stato annunciato qualche giorno fa dal club torinese nella veste di addetto agli arbitri. Un ruolo sempre più sotto i riflettori dei club e che ha già visto, in precedenza, altri direttori di gara prolungare, dopo la dimissione dal ruolo di arbitro, la propria carriera nel calcio mettendosi al servizio dei club. A creare scalpore attorno al caso di Maggiani è però un episodio della sua carriera da assistente arbitrale, ben impresso soprattutto nella memoria dei tifosi del Catania.

Il 28 ottobre 2012 i rossazzurri ospitano al Massimino la Juventus. La gara finirà 0-1 per gli ospiti, ma passerà alla storia per l'annullamento del gol catanese firmato da Bergessio, al 25' del primo tempo. Una decisione controversa, verso la quale il direttore di gara, Gervasoni, viene indirizzato dopo il conciliabolo con l'arbitro di porta Rizzoli e proprio Luca Maggiani, guardalinee, e dopo le veementi proteste della panchina juventina. A far pesare ancor di più la decisione sarà il risultato finale che reciterà 0-1 per la Juventus, siglato con una posizione di fuorigioco dell'allora centravanti bianconero Bendtner nell'azione che ha innescato il gol di Vidal.

I tifosi e il web, però, hanno la memoria lunga e l'ufficializzazione di Maggiani nelle vesti di Club Referee Manager ha scatenato una serie di polemiche e ironia, alle quali non si è sottratto neanche Nino Pulvirenti, allora patron del club. «Adesso tutto è compiuto», ha detto interpellato dal quotidiano sportivo ItaSportpress. «Finalmente posso dire con un pizzico di ironia che la Juventus ha regolarizzato la posizione di Maggiani - ha affermato Pulvirenti - Non mi ero sbagliato ad aver pensato male dieci anni fa e, quando dissi in tv che nella pagina Facebook di una società di Maggiani campeggiava lo stemma della Juventus, mi presero per pazzo e immediatamente scattò il deferimento. Oggi sono stato risarcito - ha concluso - Avevo visto giusto su Maggiani che sicuramente al Massimino con i suoi due errori decise la gara vinta immeritatamente dalla Juventus». Pulvirenti, dopo l'annullamento di quella rete, venne anche espulso per proteste, prima dell'infuocata conferenza stampa che seguì al match. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×