Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Acireale, il Comune perde altre cause contro la Senesi
«Multe in ritardo». Alla ditta spettano altri 640mila euro

I fatti al centro della lite giudiziaria risalgono al periodo che va da ottobre 2014 a maggio 2016, quando ai vertici dell'ente c'era la giunta Barbagallo. Già l'anno passato altri verdetti avevano dato ragione alla società specializzata nella raccolta dei rifiuti

Simone Olivelli

Dopo i 400mila euro del 2021, altri 640mila di quest'anno. La lite giudiziaria tra il Comune di Acireale e la ditta di raccolta dei rifiuti Senesi registra un'altra cocente sconfitta per l'ente locale. Con tre sentenze, due delle quali arrivate nelle scorse settimane, il tribunale di Catania ha annullato ufficialmente una lunghissima serie di sanzioni che gli uffici avevano elevato all'impresa con sede in provincia di Fermo, tra l'inizio dell'autunno 2014 e la tarda primavera del 2016. Ovvero nel periodo in cui a guidare la città dei cento campanili era il sindaco Roberto Barbagallo. All'origine delle multe c'erano delle presunte inadempienze nello svolgimento del servizio così come previsto dal capitolato speciale d'appalto stipulato con la società d'ambito AciAmbiente. Prestazioni che il Comune pagava oltre mezzo milione di euro al mese. I giudici, però, hanno stabilito che l'impresa dovrà essere rimborsata dei compensi trattenuti per via delle sanzioni; somme a cui vanno aggiunte le spese e gli interessi legali previsti dal decreto legislativo 231 del 2002, che ha disciplinato le misure di contrasto ai ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali.

Le decisioni non riguardano il merito delle contestazioni, ma le modalità con cui le stesse sono state fatte. O meglio: il tempo trascorso dal momento in cui i controllori hanno individuato la non coretta esecuzione del servizio di raccolta della spazzatura e quello in cui è stata notificata la contestazione alla Senesi. «Le contestazioni avvenívano sempre con delle note che venivano comunicate dal Comune alla società a distanza tra sei e dieci mesi dal fatto contestato, a seguito delle quali la società presentava quasi sempre - si legge in una delle sentenze - delle controdeduzioni. Infine, a distanza di circa un anno dalla comunicazione delle contestazioni, il Comune, con un'altra nota, trasmetteva alla società una determinazione dirigenziale direttamente applicativa delle penali». Il rilievo ricalca quello che, l'anno scorso, portò ad altre sentenze a favore dell'impresa. Per i giudici, gli uffici comunali avrebbero avuto un massimo di due mesi per avviare l'iter propedeutico alla sanzione. A essere tirato in ballo, in assenza di differenti previsioni contenute nel capitolato d'applato, è l'articolo 1667 del codice civile, nella parte in cui specifica che «il committente deve, a pena di decadenza, denunziare all’appaltatore le difformità o i vizi entro sessanta giorni dalla scoperta».

Con gli ultimi pronunciamenti, la somma complessiva che il Comune di Acireale dovrà pagare alla Senesi supera abbondantemente il milione di euro. Sulla carta l'ente può ancora proporre appello e contestare la sentenze, ma, considerato il rischio di vedere lievitare la somma per via degli interessi legali, non è da escludere che da via Lancaster i vertici dell'amministrazione decidano di fermare qui la lite e riconoscere il dovuto all'impresa.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×