Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

«Catania perde i 20 milioni per scongiurare aumento Tari»
Denuncia di Forza Italia dopo emendamento respinto all'Ars

I fondi che il capoluogo etneo avrebbe potuto ottenere dalla Regione sarebbero serviti a evitare un rincaro del 18 per cento sulla tassa dei rifiuti che ancora aspetta, ormai da più di un mese, di essere votato in Consiglio comunale

Redazione

Foto di: Nadia Arancio

Foto di: Nadia Arancio

«Per Catania oggi non è stato un bel risveglio. Purtroppo, a tarda notte, l’Ars ha respinto l’emendamento del governo regionale, messo a punto dal vicepresidente Gaetano Armao, che assegnava alla nostra città ben 20 milioni di euro per scongiurare l’aumento della Tari e affrontare al meglio l’emergenza rifiuti in città». A dare la notizia è un comunicato del coordinamento provinciale di Forza Italia. I fondi che il capoluogo etneo avrebbe potuto ottenere dalla Regione sarebbero serviti a evitare un rincaro del 18 per cento sulla tassa dei rifiuti che ancora aspetta, ormai da più di un mese, di essere votato in Consiglio comunale

«A Palermo, la manovra congiunta fra l’ostruzionismo irresponsabile del Pd e dei grillini assieme ai franchi tiratori del voto segreto ha causato la bocciatura canagliesca di una norma che, invece, serviva a dare respiro al Comune di Catania e a proteggere le tasche dei catanesi dai rincari delle tariffe». Queste le parole con cui l'esito del voto sulle variazioni di bilancio a Palazzo dei Normanni è stato commentato dal commissario di Forza Italia Catania Marco Falcone, dai consiglieri comunali azzurri Giovanni Petralia e Dario Grasso e dall'assessore comunale Michele Cristaldi. «Noi di Forza Italia - proseguono gli esponenti azzurri - condanniamo questo grave atto di egoismo politico della sinistra e di tutte quelle forze che, nascondendosi dietro al voto segreto, antepongono il calcolo elettorale all’interesse concreto di Catania e dei catanesi. Preannunciamo fin da ora - concludono Falcone, Petralia, Grasso e Cristaldi - il nostro voto contrario a qualsiasi atto consiliare che scarichi sul portafogli dei catanesi il prezzo dell’irresponsabilità politica di qualcuno».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×