Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Multa al rider in bici e iniziative per annullare il divieto
«Vergogna senza precedenti per la mobilità sostenibile»

I vigili urbani hanno elevato al ciclofattorino Andrea Genovese un verbale di 87 euro. Per il 10 agosto è stata fissata una seduta del Consiglio della prima Circoscrizione: «Abbiamo invitato anche l'assessore Arcidiacono», dice il consigliere Fabrizio Cadili

Marta Silvestre

Lo stesso giorno (mercoledì 3 agosto) in cui venivano inaugurate le otto nuove ciclo-stazioni di Amts per il bike sharing in città, il rider Andrea Genovese si è beccato una multa da 87 euro. Arrivato da via Etnea, è stato fermato dai vigili urbani in piazza Università mentre in sella alla sua bicicletta (non elettrica) stava facendo delle consegne. «Una vergogna senza precedenti nella storia della mobilità sostenibile catanese», è stato il commento di Lungomare Liberato sui social dove la notizia si è presto diffusa suscitando indignazione tra ciclisti e non solo. Il giorno prima a essere stato fermato dalla polizia municipale sempre in pieno centro era stato il consigliere della prima circoscrizione Fabrizio Cadili. «Mi hanno intimato di fare la strada a piedi proprio mentre al loro fianco passavano due motorini elettrici - ha sottolineato - Dunque, il problema a Catania sono le bici. Senza, la città sarebbe sicuramente migliore». Una provocazione a cui il consigliere ha fatto già seguire una convocazione del Consiglio del primo Municipio già fissato per la tarda mattinata di mercoledì 10 agosto. Una seduta (che si terrà alle 11.45 nei locali di via Zurria) per la quale è stata richiesta anche la presenza dell'assessore comunale alla Mobilità Pippo Arcidiacono e a cui sono stati invitati a partecipare pure i cittadini «per fare sentire il proprio dissenso contro questa determina». 

Un documento - la determinata dirigenziale 431 - datata 1 luglio 2022 che ha come oggetto Integrazione alle aree pedonali in piazza Duomo, via Etnea e piazza Università. Provvedimento di circolazione. La misura fin da subito ha fatto discutere e, dopo la multa al ciclofattorino, sono in molti a chiedere che venga annullata. «Nell’ambito della riqualificazione di vie e piazze cittadine per aumentare la vivibilità in città - si legge nel documento pubblicato tra gli atti amministrativi sul sito dell'ente comunale - è stato predisposto un coordinato piano di provvedimenti al fine di integrare le aree a fruizione pedonale». Un piano, dopo avere acquisito il parere favorevole dell’assessore alla Mobilità, è entrato in vigore nel cuore del centro storico dove solo quattro giorni fa sono entrate in funzione le telecamere (e sono cominciate a fioccare le multe) per rendere effettiva la Zona a traffico limitato. A informare i cittadini delle novità sulla mobilità sono stati dei fogli attaccati con lo scotch carta su alcuni segnali stradali: «Divieto di transito a biciclette e velocipedi», è la scritta - in parte già sbiadita - che compare accanto a un disegno stilizzato di una bici. 

«A Catania, dove le auto sono parcheggiate sbarrando i marciapiedi, dove gli scooter corrono e impennano nelle piazze pedonali, dove i mezzi motorizzati fanno quello che vogliono e dove abbiamo l'inquinamento oltre i limiti previsti e un traffico alle stelle - elencano gli attivisti di Lungomare liberato - il Comune intraprende una crociata contro chi decide di muoversi in modo sostenibile eliminando la possibilità ai velocipedi di percorrere l'ampia via Etnea». E questo in una città in cui le promesse di mobilità troppo spesso non vengono mantenutearee pedonali non rispettate, anni di attesa per avere un servizio di bike sharing, le piste ciclabili sono spezzate, i parcheggi scambiatori restano spesso vuoti e per l'orario di apertura della metropolitana solo di recente è stata accolta la proposta di allungarlo fino a mezzanotte. Insomma, una città in cui le iniziative sulla mobilità sono «schizofreniche e non ordinate», come sintetizzò il consigliere Salvo Di Salvo durante una seduta del civico consesso.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×